Brindisi Bene Comune presenta il progetto “ Avanzi Popolo 2.0 “, un modello che vuole seguire l’ Amministrazione Comunale, per la lotta agli sprechi alimentari e alla povertà.

Una  “ vera  e concreta  amministrazione “  è quella che, attraverso valide idee  e progettualità, si interessa  sino in fondo delle reali esigenze  e problematiche della comunità,  anche  e soprattutto  di chi  è in difficoltà, i bisognosi.

E, spesso, sono proprio    i cittadini, associazioni, le forze  e rappresentanze   politiche  a proporre, cercare  di avviare  percorsi  condivisi.  Del   resto,  il  Sindaco   di  Brindisi   Riccardo  Rossi   e l’  amministrazione  Comunale  di   Centro  Sinistra  hanno sempre fatto riferimento    ad   un  “ processo  sinergico  e condiviso”, nelle scelte  e nelle  idee, da portare  avanti  insieme  alla comunità.

In  sostanza,  lo spirito  del  progetto   “  Avanzi   Popolo   2. 0 “, che  Brindisi  Bene  Comune   ha presentato   giovedì  scorso  presso  la  Sala  Università  di    Palazzo  Nervegna,  alla  presenza  di  Riccardo  Rossi.   Un  progetto   già   avviato   e portato  avanti    a Bari,  grazie   all’ idea   di  Antonio  Spera  ( presente   nella presentazione dell’ iniziativa), socio  fondatore   dell’  associazione  Onlus  “ Farina  080”  iscritta  praticamente   al  progetto    che ora  Brindisi  vuole  riprendere.

Un progetto  che, naturalmente ( come  è normale  che  sia), deve  essere prima percepito , prima  della realizzazione e della fattibilità.    La  lotta  alla povertà  e la lotta  agli sprechi alimentari,  possono   andare di  pari passo, ora più che  mai, in un contesto  come quello brindisino  dove  le difficoltà di molte famiglie sono una vera e propria  emergenza.  In  sostanza,  l’ obiettivo  del progetto  “ Avanzi  Popolo  2.0”, ma   anche, come anticipato,  nel  programma  dell’  Amministrazione  Comunale guidata   dal Sindaco   Rossi.    Elementi  tra  l’ altro  individuati   nel  “ Piano  regionale  per la lotta  alle povertà  “  recepito  anche  a  Brindisi.

“ Abbiamo  intenzione  di promuovere  azioni  concrete  contro  lo spreco del cibo, costruendo   un percorso  condiviso tra   famiglie, associazioni, ristoratori – ha dichiarato  Paola  Meo, un’ attivista  di  Brindisi  Bene Comune.  Infatti, nel corso  della nostra iniziativa, vogliamo  far capire ulteriormente  quali sono i settori interessati  allo spreco, una problematica  esistente ma di cui, evidentemente,  se ne parla ancora  poco. Come  fare  a  conciliare  la lotta  alla povertà  a  quella  contro gli sprechi  alimentari ?  Coltivando  la cultura  del   riutilizzare  tutto quello che  rischia di essere buttato  e  quindi  indirizzandolo verso  i luoghi  del bisogno.   In quest’ ottica, ad  esempio, si può  avviare  una collaborazione  con  la Caritas  e le  associazioni  di volontariato  che si occupano dei bisognosi, delle famiglie in difficoltà. Naturalmente,  un percorso da avviare con l’ Amministrazione Comunale, tenendo  conto  tra  l’ altro  che  “ Avanzi  Popolo  2.0”   guarda  anche    ad un discorso di salvaguardia  ambientale “.

Concetti   confermati, anche  approfonditi, da  Antonio  Spera,  Socio  fondatore   dell’  associazione   “ Farina  080”  Bari, che  nei dettagli, nella nostra video intervista,  spiega  i contenuti e gli obiettivi  di   “ Avanzi   Popolo  2.0 “.

Foto e video  di  Marcello Altomare


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.