BRINDISI.Oggiano (Fdl):CHIUSURA DEL DORMITORIO DI VIA PROV.LE S. VITO RICHIESTA DAL SISP DELL’ASL BRINDISI

Il verbale di contestazione e constatazione degli UU PP GG del SISP dell’ASL di Brindisi che chiedono la chiusura del dormitorio per extracomunitari di via prov.le S. Vito a seguito del sopralluogo effettuato in data 4 febbraio u.s. su richiesta dello scrivente.


Dopo il blitz del novembre 2018 con il quale lo scrivente insieme ad altri consiglieri comunali   certificavano per ennesima volta (se ve ne fosse stato ancora bisogno) lo stato di degrado assoluto del dormitorio, con inesistenti condizioni igienico sanitarie e di sicurezza, con un numero spropositato di ospiti (circa 250), dopo aver sperso per ennesima volta (poco più di un mese fa) soldi pubblici per ripristinare le sufficienti e normali condizioni di vivibilità la struttura in questione, la situazione    è tornata come prima, anzi peggiorata con un numero di sopiti tornati  250 su gli 80 previsti secondo la relazione degli UU PP GG del SISP dell’ASL di Brindisi. Siamo stati tacciati di razzismo, exenobia, intolleranza ecc. per aver semplicemente fatto il nostro dovere e non aver girato la testa dall’altra parte da parte di coloro i quali vedono il fenomeno migratorio e dell’accoglienza come una risorsa a prescindere, senza se e senza ma. Ora che la insostenibilità della situazione igienico, sanitaria e di sicurezza  presente all’interno del dormitorio è stata denunciata e certificata dagli organi Ufficiali preposti al controllo, verranno tacciati anche questi ultimi di razzismo, xenofobia ed intolleranza?

 

Verbale di contestazione e constatazione degli UU PP GG del SISP dell’ASL di Brindisi1

dott. Massi oliano Oggiano
capogruppo FdI
vicepresidente del Consiglio Comunale di Brindisi


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.