Aumento Tari. Casili (M5S): “Cresce la differenziata, ma i cittadini pagheranno di più. Colpa della disastrosa gestione Emiliano”

“Un salasso per tutti i cittadini pugliesi. A questo risultato sta portando la disastrosa gestione dei rifiuti del governo Emiliano.

L’aumento inevitabile della Tari che molti Comuni dovranno applicare, nonostante siano cresciute le percentuali di raccolta differenziata, è la conseguenza di un sistema di gestione dei rifiuti che fa ancora un uso massiccio delle discariche private ed è privo di impianti pubblici di compostaggio”. Lo dichiara il consigliere del M5S Cristian Casili.

In Italia, nel 2016, sono diminuiti i rifiuti terminati in discarica, in Puglia invece la discarica continua a essere la destinazione finale più usata. Nella nostra regione il 48% del rifiuto prodotto finisce in discarica, contro una media nazionale del 25% e quella delle altre regioni del Meridione ferma al 42%.

“Nel 2016 la Puglia ha dovuto trasferire oltre 13mila tonnellate di rifiuti fuori regione – incalza il pentastellato – alimentando un aumento dei costi per i pugliesi. Le negligenze del Governo regionale hanno creato un sistema che assomiglia a un cane che si morde la coda e disperde il buon lavoro svolto da tanti pugliesi, che ha portato all’aumento della raccolta differenziata, anche se è ancora lontano il raggiungimento del 65%. E il paradosso è proprio questo: aumenta la Tari anche se aumenta la raccolta differenziata. Proprio perché l’impegno dei cittadini rischia di essere dissolto da un sistema di impiantistica obsoleto e inefficace e da una gestione a livello di ARO in molti casi insostenibile per i Comuni. I ritardi della Regione Puglia nell’approvare il nuovo piano di gestione dei rifiuti – conclude Casili – nonostante i proclami di Emiliano, hanno poi provocato il cortocircuito definitivo. Un limbo in cui cittadini e amministrazioni virtuose sono costretti a pagare di più, anziché essere premiati”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.