Cellino San Marco: 31enne del luogo con l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria sorpreso con monili e orologi asportati dalla casa di un pensionato di Guagnano (LE), arrestato. La refurtiva restituita al legittimo proprietario.

I Carabinieri della Stazione di Cellino San Marco hanno tratto in arresto in quasi flagranza di reato Giannetta Pierluigi 31enne del luogo.

L’uomo nel pomeriggio ha perpetrato un furto all’interno dell’abitazione di un anziano pensionato di Guagnano, asportando nella circostanza vari monili in oro. I Carabinieri di Cellino San Marco nel corso di un servizio di controllo del territorio hanno rilevato la presenza dell’uomo girovagare a bordo della sua bicicletta per Cellino San Marco. Lo hanno fermato e sottoposto a perquisizione personale nel corso della quale gli hanno rinvenuto alcuni orologi maschili, un anello e un bracciale, nonché la somma contante di 30,00 €. Nell’occasione, i militari non a conoscenza del furto perpetrato dall’uomo fuori provincia e non avendo elementi che potessero far ritenere illecita la provenienza degli oggetti rinvenuti hanno provveduto a fotografarli. Poco dopo, i Carabinieri della Stazione di Cellino hanno appreso dai colleghi di Guagnano del furto perpetrato ai danni dell’anziano pensionato e pertanto hanno provveduto a far visionare allo stesso le immagini degli oggetti prima rinvenuti nelle tasche del Giannetta, subito riconosciuti dal proprietario. Pertanto, perquisita l’abitazione del cellinese, sono stati rinvenuti 4 orologi maschili, un bracciale marca Pandora e un anello da donna con pietra a forma di cuore, che sono stati restituiti al legittimo proprietario. L’arrestato che era stato sottoposto prima del furto ad altra misura cautelare meno afflittiva, è stato sottoposto agli arresti domiciliari come disposto dall’Autorità Giudiziaria.

Il Giannetta esattamente un mese addietro si era introdotto, dopo aver scardinato la porta d’ingresso, nella lavanderia di via Dei Briganti di Cellino, dove dal distributore automatico di bevande alcoliche ha asportato la somma di 60€ in monete, successivamente dandosi alla fuga per le vie circostanti. L’azione delittuosa è stata ripresa dalle telecamere dell’attività dalle quali sono state estrapolate le immagini d’interesse che hanno permesso l’identificazione dell’autore che è stato tratto in arresto in quella circostanza per furto aggravato.