Il Cuore, anche umanitario dell’ONU: la base di Brindisi Un’alternanza scuola – lavoro in un’atmosfera mondiale

Dall’inizio della settimana un’ASL per gli alunni delle classi quarte del Marzolla presso la sede ONU di Brindisi, in quello che è il cuore pulsante dell’ONU, da cui partono aiuti umanitari per  le più disparate destinazioni, in una sede che è una città nella città, un vero stato: accogliente, operativo, dove si respira aria di mondialità e si lavora quotidianamente per uno sviluppo sostenibile, per le missioni di peacekeeping, per supervisionare  i goal suggeriti agli stati membri da raggiungere  in tema di sicurezza, ambiente , sviluppo sostenibile, pace.

Direttive che l’ONU dà, lo sappiamo, ma che sta poi agli stati membri recepire e tradurre in decreti e leggi attuative. Gli alunni sono stati selezionati in base alla media dei voti in inglese nello scrutinio di  primo quadrimestre e dello scorso anno e, a parità di punteggio,  in base alla media dei voti di tutte le  materie  dello scorso anno  scolastico.

Si arriva in Piazza del Vento n. 1 e ogni mattina alle ore 9.00, ricevuto il pass, si trova ad attendere gli alunni la dottoressa Maria D’aprile o l’ingegner Antonio Intiglietta. Costituiti vari gruppi di lavoro, ci si mette all’opera fino alle 13.00 ogni giorno: dalla sensibilizzazione al corretto uso dell’acqua nella ricorrenza della Giornata Mondiale dell’Acqua proprio a marzo, al settore dello sviluppo sostenibile  con le relative strategie per attuarlo, al settore della Sicurezza,  in relazione, ad esempio,  al funzionamento dei software, alle missioni di peacekeaping, quali  l’assistenza  medico- sanitaria in qualsiasi parte del mondo ve ne sia necessità. Gli alunni hanno seguito i vari settori, anche intervistando in inglese dipendenti ONU stranieri. Oggi briefing alla presenza della prof.ssa Del Prete Pierangela, in rappresentanza della scuola in quanto funzione strumentale Area Comunicazione  ed in sostituzione della Prof.ssa Isabella Calabrese, Referente Alternanza Scuola – Lavoro già da diversi anni nel Marzolla, in data odierna assorbita in altri impegni istituzionali. Il briefing delle attività svolte nella settimana dà una valutazione positiva del lavoro ad oggi svolto e proietta gli studenti nel grande impegno della prossima settimana, giovedì 28 marzo,  dalle 14.00 alle 16.00: una Riunione Generale sull’Ambiente e sulla Sicurezza, pilastri tra i goal da raggiungere entro il 2030, presieduta da  Atefeh Riazi, la quale, direttamente da New York, sarà a Brindisi in qualità di Capo assoluto dei Servizi Informazione ONU. Gli alunni De Candia Elena, Fiume Benedetta, De Bellis Aurora, Saraceno Silvia, Barretta Sara, Guadalupi Pietro, in occasione della Conferenza,  terranno un loro intervento in inglese. La giornata odierna si conclude col ringraziamento da parte della prof.ssa   Del Prete, a nome della dirigente Prof.ssa Carmen Taurino, ai funzionari  ed esperti che stanno seguendo e preparando gli alunni del Marzolla : i dott. Alessandro Rini,  Carola De Witt, Maria D’Aprile, Antonella Ruggiero, Carmen Morrone, Antonio Intiglietta.

Pierangela Del Prete

Nelle foto: gli alunni del Marzolla in una sala della Base ONU di Brindisi con i tutor esterni ASL e i Funzionari ONU.