Carabinieri N.A.S. San Pancrazio Salentino. A seguito di ispezione di panificio artigianale, disposta dall’A.S.L. la sospensione di due depositi di farine e materie prime avviati in assenza di autorizzazione e mantenuti in carenti condizioni igieniche.

A San Pancrazio Salentino i Carabinieri del Nucleo Antisofisticazioni e Sanità di Taranto, a seguito di ispezione di un panificio artigianale, hanno accertato che il titolare aveva attivato 2 locali adibiti a deposito di farine e materie prime, in assenza di autorizzazione.

I locali si presentavano in pessime condizioni igienico sanitarie e strutturali. Le pareti divisorie erano state realizzate con tufi allo stato grezzo e vi era la presenza di copiosa polvere e unto non rimossi da tempo. Sul soffitto e sulle pareti è stata constatata la presenza di numerose ragnatele, nonché accertata la conservazione promiscua di prodotti alimentari e non alimentari. Nella circostanza sono stati sottoposti a sequestro cautelativo sanitario 35 quintali di farina per un valore di 7.000€, 205 Kg di pomodori pelati per un valore di 600€ e 80 litri di olio per un valore di 800€. Su richiesta degli operanti è intervenuto il dirigente medico del S.I.A.N. (Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione) dell’A.S.L. di Brindisi, il quale in relazione alle criticità riscontrate, ha disposto la sospensione immediata dei depositi alimentari e il divieto di utilizzo di un forno alimentato a gas e legna attivato abusivamente. Il valore complessivo delle infrastrutture ammonta a 350.000€