SAN DONACI: DISCARICA DI 1500 METRI CUBI DI RIFIUTI SU UN LOTTO DELLA ZONA P.I.P.

SEQUESTRO PREVENTIVO DEI CARABINIERI FORESTALI.IL LOTTO NON ERA ASSEGNATO – AREA AFFIDATA AL COMUNE PER LA BONIFICA

I Carabinieri forestali della Stazione di Brindisi hanno sottoposto a sequestro preventivo di iniziativa un’ area di circa 1000 metri quadrati, all’ interno di un lotto non assegnato della zona P.I.P. di San Donaci, constatando che vi venivano smaltiti illecitamente rifiuti speciali non pericolosi di ogni tipo, per la maggior parte provenienti da lavori edili di costruzione e demolizioni, in modo continuativo fino all’ attualità.

Da qui la necessità di apporre i sigilli, per evitare l’ ulteriore aggravarsi della situazione illecita, i cui responsabili non sono stati per ora individuati, considerato che i cumuli avevano ormai raggiunto circa un metro e mezzo di altezza media, ed erano stati spianati, presumibilmente per far posto a nuovi scarichi. L’ area sequestrata, ricadendo in un lotto non assegnato della zona ad insediamenti produttivi, è stata affidata in custodia giudiziale al Comune, su cui graverà quindi l’ onere della bonifica.

I Militari hanno inoltre redatto un’ informativa di reato per la Procura della Repubblica di Brindisi, per il momento a carico di ignoti, per gestione non autorizzata di rifiuti non pericolosi, sanzionata dall’ art. 256, comma 1, lett. a) del Decreto legislativo n. 152 del 2006 (“Testo Unico dell’ Ambiente”). Prosegue altresì l’ attività investigativa per l’ identificazione dei responsabili, anche con l’ ausilio ed il coordinamento del Nucleo del Gruppo forestale di Brindisi (NIPAAF), sia per il caso specifico, sia per altre e diffuse situazioni di degrado ambientale che interessano soprattutto i comuni della fascia meridionale della provincia messapica.