16 maggio 2019. L’Abadia di S. Andrea dell’Isola di Brindisi e i suoi feudi salentini

Storie della nostra storia XIV Movimento 16 maggio 2019. Inizio ore 17.45. Brindisi,History Digital Library  (Casa del Turista, lungomare Regina Margherita, 44) “La mia immaginazione è un monastero e io sono un monaco“(John Keats)

Storie della nostra storia

Francesco De Luca  dialoga con Franco D’Armento  autore de L’Abadia di S. Andrea dell’Isola di Brindisi e i suoi feudi salentini Cavallino, Ed. Grifo,  2017

InterverrannoGiacomo Carito, Giuseppe Maddalena Capiferro e Giuseppe Marella,  della Società di Storia Patria per la Puglia

Sull’isola detta anticamente di “Bara”, all’ingresso dei porti di Brindisi, sorgeva in età medievale l’abbazia di Sant’Andrea, per circa due secoli una delle più importanti dell’intero mezzogiorno d’Italia. Delle sue grandiose strutture è memoria nel Museo Archeologico “Francesco Ribezzo”, di Brindisi ove se conservano i grandi capitelli. Da tempo gli studiosi hanno riconosciuto l’eccezionalità dei rilievi, sia nell’ambito degli svolgimenti artistici della regione e dell’Europa normanna tutta, quanto perché, con la loro monumentalità, sono capaci di restituire in filigrana la potenza economica della comunità monastica prima del suo declino. I primi tempi del monastero parteciparono del drammatico passaggio dal dominio bizantino a quello normanno, che nel corso dellaseconda metà dell’XI secolo coinvolse, tra le altre, anche la città di Brindisi. Le carenze documentarie relative a quella convulsa fase cittadina, purtroppo, rendono inevitabilmente lacunosa anche la ricostruzione storica del cenobio. Qualche integrazione giunge dal carmelitano Andrea Della Monaca, il quale, tracciando le origini dell’abbazia, riferisce  circa l’esistenza di un primo cenobio bizantino anteriore al 1043: “Dimorava tuttavia la sede degl’Arcivescovi Brundisini in Oria, e in questo tempo, ch’era il secondo anno dell’imperio di Costantino Monomaco [1043], vi risiedeva l’arcivescovo Nardo, chiamandosi signore della sede Oritana, Brundisina, Ostunense, e Monopolitana. Era in quei tempi su l’isola di Brindisi il monasterio di S. Andrea, [… ]. In questo monasterio di S. Andrea l’arcivescovo Nardo, stando in Oria, istituì abbate un certo sacerdote di Monopoli, chiamato Taspide, a cui anche, secondo le bolle che n’apparono nel sacro archivio, conferì l’abbatia di San Leucio, sua prima e principal Cathedra, che nella generale desolazione della città, e nella lunga assenza degl’arcivescovi, di Chiesa Cattedrale dell’arcivescovato, in essa primieramente istituito, divenne allora per malignità dei tempi, e poco senno de’ Prelati” piccola abbazia.

La ricostruzione di Taspide, comunque, non fu adeguata ed efficace come si sperava. Già nel 1059, infatti, il nuovo arcivescovo di Brindisi Eustasio (1050-1071), stavolta latino ma sempre residente a Oria, donò l’isola di Sant’Andrea a Melo e a suo figlio Teudelmanno, due baresi di stirpe longobarda che ne avevano fatto richiesta “ispirati da Dio” per insediarvisi, dopo le necessarie ristrutturazioni, con una comunità di monaci. Eustasio, acconsente alla richiesta dei due, nomina Melo alla carica di abate e impone alla comunità di vivere secondo la regola benedettina il che tradisce probabilmente la sua adesione ai progetti riformatori della Chiesa romana coeva, che ponevano tra gli obiettivi primari la riqualificazione in senso latino delle diocesi greche del Mezzogiorno. Note sono le vicende successive che porteranno infine, dopo un periodo di grande splendore, all’abbandono dell’abbazia trasformata in abbazia concistoriale ossia di soli beni. Si trattava di estesi possedimenti fondiari analiticamente descritti nellaPlatea,conservata nella biblioteca arcivescovile “Annibale De Leo”  di cui Franco D’Armento ha curato la trascrizione.

PROGRAMMA

Interventi

Francesco De Luca

Università del Salento

Franco D’Armento

Ricercatore

Giuseppe Maddalena Capiferro

Società di Storia Patria per la Puglia

Giuseppe Marella

Società di Storia Patria per la Puglia

Giacomo Carito

Società di Storia Patria per la Puglia

Organizzazione

Società di Storia Patria per la Puglia. Sezione di Brindisi

History Digital Library,Brindisi

Adesioni

In_Chiostri, Brindisi

AssociazioneVola Alto, Brindisi

Medieval Fest, Brindisi