LECCE.POLO FORESTALE – CONGEDO: “UN PARCO URBANO IN PIENO QUARTIERE STADIO. INASCOLTATO DALLA REGIONE NEL 2015, TORNO A PROPORLO OGGI DA CANDIDATO SINDACO”

Lo avevo chiesto, all’epoca, da consigliere regionale e torno a proporlo oggi da candidato sindaco: l’area del vivaio “Galio”, oggi sede della Forestale, diventi parco urbano a beneficio dei cittadini del quartiere Stadio.


Nel gennaio del 2015, la Regione Puglia decise di destinare quell’area, con la palazzina ex Irif, al progetto di accorpamento delle sedi di Corpo Forestale, Servizio Foreste e Arif. Già all’epoca chiesi di modificare i piani e destinare quell’area, sita in viale della Libertà, alla fruizione pubblica. La Forestale avrebbe potuto comunque trovare ospitalità in altre aree, già offerte in permuta dal Comune, appena fuori dalla tangenziale, a ridosso del centro urbano. Ma come è spesso accaduto, anche su questo il governo regionale si dimostrò sordo alle esigenze dei cittadini leccesi e proseguì dritto per la propria strada.
Oggi, da candidato sindaco, torno a proporlo alla città e alla Regione. È facile immaginare cosa potrebbe significare avere un parco di quelle dimensioni, un enorme polmone verde aperto a tutti, al posto di un vivaio, in un contesto densamente urbanizzato ed edificato come quello del quartiere Stadio. Si tratterebbe, oltretutto, di un intervento a costi ridottissimi, trattandosi di fatto di un parco già praticamente pronto.
Da parte mia ci sarà il massimo dell’impegno affinché questo progetto si possa concretizzare. Spero solo di trovare nella Regione un interlocutore più attento, questa volta.

BRINDISI-“Europa e l’ Europa che verrà”

Incontro Convegno Fdi

Interviste