LECCE.POLO PEDIATRICO DEL SALENTO – CONGEDO: “DA AUTORITÀ SANITARIA LOCALE MI BATTERÒ CON TUTTE LE MIE FORZE PER REALIZZARE FINALMENTE IL POLO PEDIATRICO”

Se i leccesi mi vorranno dare fiducia come loro sindaco mi batterò con tutte le mie forze, in qualità di autorità sanitaria locale, per portare finalmente in porto la felice intuizione dell’associazione Tria Corda, il Polo Pediatrico del Salento.

Si tratta di un progetto per cui mi sono sempre speso, unitamente a colleghi salentini di tutti gli schieramenti, fin dal lontano 2013, quando l’associazione lo propose per la prima volta. Ricordo che all’epoca con i colleghi ci facemmo promotori di una mozione a riguardo, approvata in maniera bipartisan dal Consiglio regionale. L’idea alla base di quella proposta è talmente intuitiva che non si comprende come mai, in tutto questo tempo, non abbia ancora visto la luce: i bambini non possono più, in alcun modo, essere considerati dei pazienti in miniatura. Hanno esigenze specifiche complesse che vanno tenute nella debita considerazione, con una organizzazione specifica e multidisciplinare. È giunto il momento che a Lecce, per tutto il sud della Puglia, ci si attrezzi per rispondere adeguatamente a queste esigenze senza più costringere i bambini a complicati e dolorosi pellegrinaggi tra strutture differenti, quando non a veri e propri viaggi della speranza fuori regione.

È veramente incomprensibile il motivo per cui un progetto del genere, già previsto nella programmazione regionale, condiviso oltretutto da specialisti, altre associazioni e istituzioni, e nonostante gli impegni del governo regionale resti ancora impantanato in pastoie burocratiche. Da sindaco, metterò in campo tutte le mie competenze per portarlo finalmente a compimento. Dopo sei anni, non c’è più altro tempo da perdere.