Brindisi Bene Comune: con il Sindaco Rossi contro le logiche del passato e i mestieranti del subappalto.

Sottoscriviamo ogni parola, ogni singolo concetto, tutte le virgole e la punteggiatura delle dichiarazioni rilasciate dal sindaco Riccardo Rossi nell’intervista pubblicata nell’odierna edizione de Il Quotidiano.

Dichiarazioni che hanno sortito (come sempre) lo stesso effetto della pioggia con le lumache: è venuto fuori l’esercito del “subappalto” con i suoi ventriloqui, le marionette e chi ancora non si arrende all’idea che certi meccanismi sono stati interrotti per sempre.

L’immobilismo di cui parlano presidente e direttore di confindustria è evidentemente quello a cui sono costretti gli apparati legati a certe logiche che hanno tenuto in piedi parte dell’economia brindisina incapace di avere visioni diverse e che inevitabilmente è rimasta al palo con l’esaurirsi della stagione del carbone.

A nulla sono valsi i reiterati inviti dell’amministrazione e del Sindaco, rivolti a confindustria,  per l’organizzazione di tavoli di confronto sui temi legati ad un modello di sviluppo diverso e non più rinviabile che passa inevitabilmente anche dall’industria (che a Brindisi, vale la pena ricordarlo ai signori di confindustria ed al loro esercito del subappalto, non è solo quella dell’energia, del carbone e dei mega impianti) ma che è anche legato agli sforzi che si stanno profondendo sul Cis, sulla rigenerazione, sulla ricerca e sull’innovazione con i progetti per la Cittadella  e la Zes, insomma su una visione globale e complessiva che non può e non deve essere lo sguardo miope del passato.

Dov’era confindustria mentre esplodeva la vertenza Leucci con i lavoratori abbandonati al loro destino dagli affari di una dirigenza d’azienda che pure Marcucci e Guarini conoscono bene.

100 lavoratori e le loro famiglie anche meritano attenzioni e occasioni di sviluppo.

Dov’era confindustria sulle questioni legati alla decarbonizzazione e allo sviluppo di un’economia diversa e sostenibile?

Dov’era confindustria quando sui tavoli istituzionali si aprivano possibilità sui procedimenti Aia per i filtri dei camini Enel che pure rappresentano investimenti e quindi possibilità di sviluppo per il territorio?

E’ invece su questi temi si latita e si è silenti mentre non si perde occasione per sbottare e dimenarsi per difendere vecchie posizioni.

E questo vale anche per alcuni rappresentanti della politica.

Può stare tranquillo il consigliere del PRI, Gabriele Antonino, al sindaco, alla sua amministrazione ed a tutte le forze di maggioranza gli obiettivi da traguardare sono chiarissimi, nonostante le difficoltà ereditate dalle scriteriate gestioni politiche del passato che pure sono state condannate addirittura per i danni d’immagine procurati alla città.

Si mettano l’anima in pace i soldati dell’esercito del subappalto veicolato dai rapporti con la politica, per Brindisi è tracciata una strada nuova mentre la vostra è un vicolo cieco nel quale vi siete infilati da soli e che non rappresenta alcun interesse per Brindisi e per i suoi cittadini.

Noi vogliamo un rapporto finalmente chiaro con le grandi aziende basato su impegni certi, investimenti, rispetto delle regole e tutela del territorio senza scambi sotto traccia.

                              Brindisi Bene Comune


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.