Il Comune di Mesagne sarà al fianco dei lavoratori Auchan

E’ proclamato per domani, mercoledì 30 ottobre, lo sciopero nazionale promosso da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, previsto per l’intero turno di lavoro, in tutti i negozi e punti vendita Auchan/Sma che sono oggetto di acquisizione da parte di Conad.

Il sindaco di Mesagne Toni Matarrelli, ed altri rappresentanti istituzionali, parteciperanno al presidio annunciato nei pressi del centro commerciale. Lo sciopero si terrà in concomitanza dell’incontro convocato al ministero dello Sviluppo Economico per discutere la vertenza che interessa i lavoratori della vasta rete commerciale. Per i sindacati, il timore da scongiurare è che la nuova acquisizione possa determinare esuberi occupazionali tra i dipendenti diretti, tra quelli degli appalti e della logistica. Giovedì 31 ottobre – nell’Aula consiliare del Comune di Mesagne alle ore 18 – il sindaco Matarrelli ha convocato un’assemblea pubblica. In particolare, l’invito è rivolto ai lavoratori Auchan e ai rappresentanti delle organizzazioni sindacali; all’onorevole Giovanni Luca Aresta e al consigliere regionale Mauro Vizzino; agli assessori e ai consulenti politici cittadini; a tutti i consiglieri comunali. “L’occasione per riflettere sulla fase in corso e sui possibili sviluppi della vertenza lavorativa è troppo importante per non aprire spazi allargati di osservazione, condivisione e confronto. Occorre concentrare l’attenzione su quella che è la questione principale, cioè la tenuta occupazionale del nuovo soggetto rispetto alla quale non vi è chiarezza. Il Comune di Mesagne sarà accanto ai lavoratori Auchan”, ha commentato il sindaco Matarrelli. Gli aggiornamenti scaturiti dal confronto al tavolo del MiSE saranno oggetto di approfondimento e discussione.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.