RIFONDAZIONE COMUNISTA FEDERAZIONE DI BRINDISI:Solidarietà ai lavoratori Auchan / Conad

Rifondazione Comunista sostiene la lotta dei lavoratori del commercio e lo   sciopero indetto dai Sindacati di categoria contro la mancanza di garanzie occupazionali e gestionali nel passaggio dei punti vendita Auchan a Conad che ne ha avviato l’incorporazione senza aver comunicato alcun piano industriale.

Solo per 109 punti vendita, per un totale di 5700 dipendenti è stato concretizzato il passaggio peraltro con un peggioramento delle condizioni contrattuali e normative. E, cosa gravissima, nulla è stato chiarito sul destino dei restanti 12 mila lavoratori del gruppo francese.

Al contrario! Dalle dichiarazioni dell’amministratore delegato di Conad trapela l’intenzione di non volersi far carico di tutti i dipendenti, lasciando sulla strada migliaia di lavoratori e le loro famiglie. Una beffa da un marchio che entra tutti i giorni nelle case degli italiani con lo slogan “le persone oltre le cose” tentando di carpire la fiducia dei consumatori millantando una responsabilità sociale d’impresa che in questa occasione non si è manifestata.

Invitiamo le cittadine e i cittadini a sostenere in tutti i modi questa lotta sia partecipando alle manifestazioni/presidi che si terranno in tutta Italia in particolare a Mesagne / Brindisi

Valuteremo azioni informative nei confronti dei consumatori davanti ai supermercati nel caso in cui l’incontro di oggi al Mise registrasse la volontà dell’azienda di procedere sulla sua strada.

 

 

Antonello Patta

Responsabile nazionale lavoro Rifondazione Comunista -Sinistra Europea

Ivano Valente

Segretario di Brindisi Rifondazione Comunista -Sinistra Europea


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.