Albano dona un defibrillatore all’Amministrazione Comunale di Cellino San Marco

Un altro defibrillatore è stato donato alla Città di Cellino San Marco da parte dell’illustre cittadino Al Bano Carrisi.

Il defibrillatore è stato consegnato alla presenza del Vicesindaco, Claudio Moncullo, e dell’Assessore Francesco Brigante, nelle tenute di Albano Carrisi durante la manifestazione “Rianimazione cardiopolmonare: una giornata con Al Bano e i medici di Cellino San Marco”, organizzata dal dottor Fausto D’agostino, medico chirurgo rianimatore del Policlinico Umberto I di Roma nonché Direttore dell’ITC American Heart Association “Centro Formazione Medica”, e dal dottor Raffaele Quarta, medico del 118 di Brindisi e istruttore manovre di rianimazione. L’Amministrazione Comunale destinerà il defibrillatore alla Protezione Civile di Cellino San Marco, già dotata di sei operatori volontari abilitati all’uso del defibrillatore. Si tratta del terzo defibrillatore che viene donato alla città e che si aggiunge a quello donato al Comune dalle Acli, ubicato presso il plesso delle scuole medie, e quello donato da alcuni amici in memoria del finanziere Massimo Tafuro deceduto mentre giocava a calcetto e ubicato presso il bar DóCafè. Altri due defibrillatori saranno acquistati dall’Amministrazione Comunale: la giunta guidata dal Sindaco Salvatore De Luca intende rendere il comune di Cellino San Marco, Città Cardioprotetta.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.