BRINDISI.GUARDIA COSTIERA: RISTORAZIONE NEL CAPOLUOGO – SEQUESTRO DI PRODOTTI ITTICI DI DUBBIA PROVENIENZA

Nel corso di una mirata attività finalizzata a prevenire e scoraggiare la commercializzazione di prodotti ittici di dubbia provenienza, svolta nella giornata di ieri da parte dei militari della Sezione Polizia Marittima Ambiente e Difesa Costiera della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Brindisi, all’interno di un rinomato ristorante sul lungomare del capoluogo è stato rinvenuto un consistente quantitativo di prodotto ittico di varie specie privo di qualsiasi documento che ne attestasse la provenienza e quindi la tracciabilità.

I militari, sotto il coordinamento del Comandante della Capitaneria di Porto, Capitano di Vascello (CP) Giovanni CANU, hanno posto in sequestro un quantitativo pari a 50 chilogrammi di specie varie, in larga parte tonno rosso, dentice, polpo, triglie, mussoli e seppie, il tutto verosimilmente proveniente dalla pesca di frodo o sportiva. Il prodotto, sia allo stato fresco che congelato, era sprovvisto di qualsiasi informazione minima prevista dalla legge in grado di far risalire velocemente e con sicurezza alla provenienza dello stesso.

A tutela principalmente degli ignari consumatori finali che degli operatori del settore che operano nella legalità, il prodotto ittico, che di lì a poco sarebbe stato servito sulle tavole di clienti inconsapevoli, è stato immediatamente tolto dalla disponibilità dell’esercente operandone il sequestro finalizzato alla confisca e successiva distruzione. Inoltre, al trasgressore è stata comminata una sanzione amministrativa per un importo massimo di € 4.500 euro in applicazione del Decreto Legislativo n. 4 del 9 gennaio 2012, così come modificato dalla Legge 154/2016 del 28 luglio 2016.

Sempre nella giornata di ieri, l’attività di controllo lungo la filiera della pesca è proseguita presso la Marina di Torchiarolo. A Torre San Gennaro è stato individuato un pescatore sportivo che aveva prelevato un grosso quantitativo di molluschi (“mussoli” e “ostriche”) con l’ausilio di un respiratore ad aria.

In applicazione delle vigenti norme applicabili agli illeciti commessi in materia di pesca sportivo-ricreativa, al pescatore è stata irrogata una sanzione amministrativa, prevista di importo massimo pari a € 3.000 mentre il prodotto pescato, circa 50 kg. di frutti di mare di varie specie, oltre che l’attrezzatura illegalmente impiegata, sono stati sottoposti a sequestro e sottratti quindi alla disponibilità del trasgressore. I molluschi, ancora allo stato fresco e vitale, sono stati reimmessi in mare.

Si coglie l’occasione per ricordare che dal consumo di prodotti non tracciati, spesso provenienti dalla pesca sportiva, senza alcuna garanzia circa provenienza e modalità di conservazione, possono derivare anche gravi problematiche di carattere igienico-sanitario.

 Per qualsiasi segnalazione si ricorda che sono attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7 il numero di centralino della Sala Operativa 0831521022 e la casella di posta elettronica so.cpbrindisi@mit.gov.it mentre, per le sole emergenze in mare, il numero blu 1530.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.