Crack Mercatone Uno, Governo approva ordine del giorno Gemmato (Fdi): “Governo tuteli i livelli occupazionali, sostenga il reddito dei dipendenti e preveda futura ricollocazione occupazionale”

«Il Governo ha accolto con parere favorevole il mio ordine del giorno al provvedimento in materia di “crisi aziendali” che impegna l’esecutivo a tutelare i lavoratori di Mercatone Uno coinvolti nel recente crack finanziario.

Allo stato attuale è in corso la procedura di vendita a trattativa privata, avviata dalla nuova gestione commissariale, per la cessione dei complessi aziendali delle società. Proprio oggi scade il termine per la presentazione delle offerte vincolanti da parte dei soggetti interessati.
Sussiste, purtroppo, la forte preoccupazione dei dipendenti e dei sindacati determinata dall’alta probabilità che i potenziali acquirenti che hanno manifestato interesse e che presenteranno offerte vincolanti potrebbero anche rilevare un numero ridotto di elementi del perimetro di vendita lasciando in condizioni di crisi i restanti e i relativi livelli occupazionali.
È per questo motivo che ho inteso impegnare il Governo con il mio atto di indirizzo politico chiedendo di garantire la tenuta dei livelli occupazionali per i dipendenti di tutte le unità del perimetro di vendita, e non solo per quelle che saranno oggetto di offerte vincolanti e di relative acquisizioni.
Ho chiesto, inoltre, di tutelare il sostegno al reddito dei lavoratori prevedendo, nell’eventualità di futuri licenziamenti collettivi, la proroga della cassa integrazione, eventualmente rapportata agli orari di lavoro precedenti alla cessione del Mercatone Uno alla Shernon Holding Srl avvenuta il 10 agosto 2018, e l’elaborazione di progetti adeguati di politiche attive volti ad una futura ricollocazione occupazionale dei dipendenti».
Lo dichiara l’On. Marcello Gemmato, Segretario della Commissione affari sociali della Camera dei Deputati, a margine dell’approvazione del suo ordine del giorno da parte del Governo.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.