EX ILVA, M5S EUROPA: SVELATA LA FARSA DI ARCELOR MITTAL, PROBLEMA NON È SCUDO MA CRISI ACCIAIO IN TUTTA EUROPA

“I vari Calenda, Salvini e sedicenti sindacati la smettano di fare i portavoce di Arcelor Mittal. Prima vengono i tarantini. Lo scudo penale è solo una scusa, dietro il quale si nascondono i rischi di chi sta
giocando con la salute e la vita dei cittadini e dei lavoratori.

Il settore dell’acciaio è in crisi in tutta Europa, tra dazi e concorrenza dei produttori extra-Ue. I posti di lavoro a Taranto erano già a rischio
a prescindere dallo scudo e solo un maxi intervento pubblico avrebbe potuto salvare i conti dell’azienda. Basta fake news e basta farse. Se lo stabilimento può andare avanti lo si dimostri rispettando le leggi,
anche quelle del mercato, e senza spreco di denaro pubblico. Le risorse pubbliche vadano invece alla riconversione economica del territorio e che, come ha dimostrato lo studio Tri0, possono e devono essere indirizzate verso un percorso in cui sociale, sostenibilità ambientale e investimenti produttivi vadano di pari passo. Possiamo rispondere alle istanze di chi sarà più colpito dalla transizione e al contempo creare nuova occupazione, di lunga durata, pulita e al sicuro. Non è un libro dei sogni, ma quanto già successo in altre parti dell’Europa. La transizione verso un’economia circolare e sostenibile è già iniziata e riguarderà sempre più pezzi dell’Ue, e la nuova Commissione ha annunciato un grande piano di investimenti in tal senso. Noi del Movimento 5 Stelle saremo in prima linea in questa battaglia, a Bruxelles come a Roma. Taranto può  e deve essere uno dei territori protagonisti di questa fase storica”, così in una nota la delegazione del Movimento 5 Stelle al Parlamento europeo.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.