BRINDISI. (FdI):immigrazione, conferenza Giovedì 7 Novembre

Giovedì 7 Novembre alle ore 18:00, presso palazzo Nervegna (Sala dell’Università), il gruppo consiliare di FdI Brindisi, nella persona del capogruppo e vicepresidente del Consiglio Comunale dott. Massimiliano Oggiano, in collaborazione con Riva Destra Brindisi, terrà una conferenza con il prof. Diego Fusaro sullo scottante ed attualissimo argomento (fatto passare come utile) dell”immigrazione , quando si rivela in realtà come sfruttamento e deportazione di disperati.

L’argomento è di particolare gravità ed attualità, poiché a fronte di una immigrazione incontrollata, c’è la questione del costante e progressivo emigrazione di italiani soprattutto(cervell): negli ultimi 20 anni 2 milioni di persone hanno lasciato il Sud (la metà giovani fino a 34 anni) e quasi un quinto laureati secondo lo studio di Smimez; nel 2018 oltre 128.500 gli Italiani che hanno abbandonato la penisola. Non secondario l’immigrazione interna, del sud Italia verso il nord.

A fronte di un costante afflusso di migranti che rappresentano mano d’opera a basso prezzo in sostituzione o peggio in competizione al ribasso con i residenti locali con le relative conseguenze. La presenza del prof. Fusaro è una occasione irripetibile per parlare di immigrazione al di là dsegli streccati ideologici dal punto di vista storico, sociale ed antropologico.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.