MICROMOBILITÀ, M5S: MONOPATTINI ELETTRICI NON SONO CICLOMOTORI, SBAGLIATO EQUIPARARLI

Per il Ministero dei Trasporti, il decreto micromobilità non si applica ai ciclomotori e, pertanto, i monopattini elettrici non rientrano in questa categoria e non vi possono essere equiparati.

La delucidazione ministeriale pone così fine alla polemica sorta negli ultimi giorni in merito alle sanzioni comminate a diversi utenti della strada che circolavano in monopattino elettrico.

Per i casi fuori dalla sperimentazione dei comuni sulla micromobilità, come ha specificato il Sottosegretario delle Infrastrutture e dei Trasporti, Roberto Traversi, si applica il Codice della Strada –  dichiara il deputato Emanuele Scagliusi, capogruppo M5S in Commissione Trasporti alla Camera – di conseguenza i monopattini rientrano nella categoria ‘veicoli atipici o acceleratori’ e non si può quindi applicare la stessa sanzione prevista per un ciclomotore, come successo a Bari per esempio. Sono tantissimi gli utenti della strada che hanno accolto con entusiasmo la sperimentazione dei comuni sulla micromobilità voluta da Danilo Toninelli. Forti di questo primo grande risultato, il MoVimento 5 stelle continuerà a lavorare per una mobilità sempre più moderna, sostenibile e sicura”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.