BRINDISI: 20 METRI CUBI DI RIFIUTI ABBANDONATI PRESSO L’ INVASO DEL CILLARESE

SEQUESTRO DEI CARABINIERI FORESTALI. NOTEVOLE IL DEGRADO DELLA ZONA ALLA PERIFERIA DELLA CITTA’-

Intervento dei Carabinieri Forestali della Stazione di Brindisi, in una zona alla periferia della città, la Strada per lo Spada (nei pressi dell’ invaso idrico del Cillarese), già più volte in passato fatta oggetto di ripetuti abbandoni di rifiuti di ogni genere, fino a vere e proprie discariche abusive, “create” con attività di raccolta e smaltimento illeciti dai quartieri vicini della periferia ovest.

Gli autori di questo ennesimo “scempio” non hanno ancora un nome, anche se gli sforzi dei Militari, come in altre circostanze, sono tese ad individuare i responsabili, spesso “seriali”.

I Carabinieri Forestali hanno quindi provveduto a redigere un’ informativa di reato alla Procura della Repubblica di Brindisi, per il momento a carico di ignoti, ai sensi dell’ art. 256, comma 1, lett. a) del Decreto legislativo n. 152 del 2006, per “gestione di rifiuti (non pericolosi) non autorizzata”.

L’ area adibita a discarica abusiva, dove sono stati rinvenuti rifiuti vari da attività di demolizioni e ristrutturazioni edilizie, porte, scaffali e suppellettili in legno (da traslochi e “svuota-cantine”), nonché infissi in metallo, vetri e plastiche, è stata sottoposta a sequestro.

Sulla stessa si è stimato un accumulo complessivo di circa 20 metri cubi di rifiuti.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.