Fasano. 26enne tiene sotto sequestro la compagna in una stanza di un B&B, usandole violenza e minacce; trovato anche in possesso di 8 grammi di marijuana, arrestato.

I Carabinieri della Stazione di Fasano e della Sezione Radiomobile della Compagnia hanno tratto in arresto per maltrattamenti in famiglia, lesione personale e sequestro di persona e detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio, un 26enne del luogo.

Il giovane, nella mattinata del 27 novembre, è stato rintracciato, su richiesta telefonica della propria compagna, nei pressi di un bed & breakfast del luogo, ove, dalla nottata e sino alla richiesta d’intervento, ha tenuto bloccata in una stanza la donna, colpendola ripetutamente al capo con pugni e minacciandola con un coltello da cucina, dopo che la stessa aveva palesato la propria volontà di lasciarlo. In seguito all’occorso, la vittima è stata trasportata dal personale del 118 presso l’ospedale di Ostuni (BR) da dove è stata dimessa con una prognosi di 10 giorni per le contusioni riportate. Le immediate indagini hanno fatto emergere ripetute violenze psichiche, fisiche e verbali in danno della donna già dallo scorso mese di ottobre. Nel corso delle perquisizioni domiciliare e personale, il 26enne è stato trovato in possesso di 8 grammi circa di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”, un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento e la somma contante di 1.041 euro ritenuta provento di attività illecita, il tutto sottoposto a sequestro. Su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, al termine delle formalità rito, l’arrestato è stato tradotto presso la sua abitazione in regime di arresti domiciliari.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.