EX ILVA, PERRINI: FORNITORI CHE ATTENDONO DA MESI PAGAMENTI DALLA REGIONE, EMILIANO PENSA AI DEBITI DI MITTAL E IGNORA I SUOI!

Il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Renato Perrini, ha presentato un’interrogazione

“Le uscite teatrali del presidente Michele Emiliano ormai non ci stupiscono più: si precipita davanti alle portinerie ex Ilva e annuncia ai microfoni delle tv nazionali di essere disponibile ad anticipare il pagamento dei 50 milioni di crediti vantati dalle aziende delle indotto. Sapendo, ovviamente, di affermare qualcosa di irrealizzabile, ma soprattutto di incompatibile con le norme del nostro ordinamento.

“Compito delle istituzioni è quello di pretendere il pieno rispetto delle regole, delle leggi, dei contratti, da parte dei soggetti privati, non certo quello di finanziarli come se la Regione fosse un istituto di credito! Ma c’è di più: mentre il presidente, nel pieno della sua perenne campagna elettorale, pensa ai debiti di Mittal, ignora i suoi! Come, ad esempio quelli di chi da mesi attendono la liquidazione delle competenze per i corsi di formazione professionale. Dai 60 giorni garantiti siamo già arrivati a 150, oltre il doppio! E, visti i tempi finora registrati, è quasi certo che entro la fine dell’anno non saranno liquidati tutti i corsi del 2019, con notevoli danni economici per gli Enti, il personale, e in alcuni casi per gli stessi partecipanti ai corsi, come nel caso dei progetti del programma ‘Mi formo e Lavoro’.

“Auspico che a seguito della interrogazione da me inviata il presidente trovi il tempo di occuparsi delle questioni di casa sua, ovvero dei cittadini pugliesi, prima di quelle altrui”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.