BRINDISI.Cerimonia di intitolazione alla vittime dell’esplosione del Petrolchimico

Domenica, 8 dicembre, alle 10.30 il piazzale esterno al Petrolchimico sarà intitolato alle vittime dell’esplosione del reparto P2T, avvenuta nella notte tra il 7 e l’8 dicembre 1977.

Seminare le tracce della memoria è unazione in cui credo – spiega il sindaco Riccardo Rossi –. Sono passati 42 anni dal tragico incidente: quella notte è rimasta impressa in tutta la comunità brindisina. Il boato fu sentito per oltre 50 chilometri, il cielo diventò arancione. Una tragedia senza eguali nella storia della nostra città. Tragico il bilancio di quel terribile incidente: 52 feriti e 3 operai persero la vita. Erano Carlo Greco di Lecce, operaio di 47 anni, Giuseppe Marulli di Brindisi, quadrista di 34 anni, e Giovanni Palizzotto di Lecce, perito chimico di 23 anni; la loro memoria è impressa nella storia della città”.

A loro lamministrazione comunale intitolerà il “piazzale Greco Marulli Palizzotto operai caduti sul lavoro nellesplosione dell’8 dicembre 1977.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.