BRINDISI PERFORMING ARTS

Giovedì 12 dicembre 2019 alle ore 20:30 terzo appuntamento del BRINDISI PERFORMING ARTS al Susumaniello Vineria con LA STORIA DI TABORRE E MADDALENA, teatro di narrazione di Armamaxa teatro & Casarmonica di Enrico Messina e Mirko Lodedo, due artisti pugliesi che si sono distinti in campo internazionale per la loro professionalità e creatività.

Raccontano storie seduti a un tavolo con i suoni e le parole di chi condivide una cena e quando le parole per narrare non basteranno allora saranno i gesti, gli sguardi, i suoni e la musica a raccontare la paura, lo stupore, il coraggio, la conquista e l’amore.

Il BRINDISI PERFORMING ARTS è un festival internazionale di arti performative che vuole portare nella città di Brindisi innovazione artistica attraverso l’arte performativa: danza, teatro, musica e video. Dal prossimo anno potranno essere aggiunte altre performance di altre espressioni artistiche. Tredici saranno le performance in cartellone di questa prima edizione con artisti proveniente da tutta Europa da novembre 2019 ad aprile 2020. Organizzato dalla AlphaZTL Compagnia d’Arte Dinamica con la direzione artistica del coreografo Vito Alfarano, ha la caratteristica di volersi avvalere per ogni anno della collaborazione di realtà cittadine che possano sostenere le performance in cartellone. In questa prima edizione: Vineria Susumaniello, Coop. Soc. Artemide, Teatro Kopò, Fondazione Nuovo Teatro Verdi, Salento Pride con il Patrocinio della Regione Puglia, Provincia di Brindisi e Comune di Brindisi. Sponsor del Festival sono Azienda Agricola Biologica Natalino del Prete e Tenrock.

ENRICO MESSINA. Foggiano dal 1969, è attore e narratore, autore e regista. Dal 2008 è direttore artistico della Residenza Teatrale di Armamaxa – Teatro Comunale di Ceglie Messapica e dal 2018 direttore artistico di Teatro Madre Festival ad Ostuni. Il fuoco del suo lavoro è sempre stato centrato sulla “narrazione” e su come la narrazione si rapporti al “teatro” in una costante ricerca di possibile fusione tra i linguaggi e gli elementi della messa in scena. Sin dal 1996 ha approfondito, con lunghi soggiorni di studio e ricerca nell’Africa Centro-Occidentale, il lavoro sulla narrazione, l’affabulazione e sulla tradizione orale avviando collaborazioni profonde con artisti come Sotigui e Dani Kouyatè dell’Atelier Gare du Nord di Peter Brook. Nel 1998 fonda ARMAMAXA teatro, che presto si afferma come una delle più interessanti realtà del “nuovo” teatro. La ricerca sull’oralità e il suo rapporto con la messa in scena, alla ricerca dell’equilibrio possibile tra la parola detta e il movimento, ha sempre caratterizzato il suo lavoro e delineato un percorso culturale e artistico fortemente legato al presente.

MIRKO LODEDO. Ceglie Messapica 1976, Music Performer. All’età di due anni imbraccia il suo primo strumento, una diamonica tuttora spesso presente nei suoi spettacoli. A sei anni inizia a studiare il pianoforte e a ventuno si diploma presso l’Istituto Musicale Parificato Statale di Ceglie Messapica. In seguito frequenta per quattro anni un corso di Composizione e Direzione d’Orchestra e all’età di quattordici anni inizia una ricerca sui suoni elettronici. A diciotto anni tiene il suo primo concerto per pianoforte solo, interamente composto da lui, occasione per cui riscuote numerosi consensi e genera altrettanti entusiasmi sino a comporre e musicare colonne sonore per numerosi registi, coreografi e Teatri .

Mirko Lodedo, musicista e compositore che tutti noi conosciamo, ha composto la colonna sonora del film “La vita in comune” di Edoardo Winspeare alla 74esima Mostra del Cinema di Venezia e alla 76° con “Aspettando la Cuccagna”, per la regia di Simone Salvemini. Il documentario ha per protagonista Ceglie Messapica ed il suo “Festival dei Giochi” del quale Mirko Lodedo è direttore artistico da 15 anni.

Possibilità di cenare dopo la performance.

Info brindisiperformingarts@alphaztl.com / 3478172498

Prenotazioni Susumaniello Vineria 3208257367

I prossimi appuntamenti del festival:

10 dicembre 2019 FORM OF A MOTION

Frey Faust (danza – Foyer Teatro Verdi)

12 dicembre 2019 LA STORIA DI TABORRE E MADDALENA

Armamaxa teatro & Casarmonica (teatro di narrazione – Susumaniello Winebar)

21 – 22 dicembre 2019 GIRAVOLTA

AlphaZTL (teatro danza – Teatro Kopò)

12 gennaio 2020 DOUBL&KO

Compagnia KoDance (danza – Teatro Kopò)

23 gennaio 2020 MEDITATION

Manfredi Perego (danza – Foyer Teatro Verdi)

30 gennaio 2020 SIGNORINA DEMODè

Valentina Elia (teatro danza – Susumaniello Winebar)

6 febbraio 2020 LE PETIT TAP

Anna Saragaglia (teatro fisico – Susumaniello Winebar)

23 febbraio 2020 HIKIKOMORI/Dream.F.H

AlphaZTL/Yaron Shamir (danza – Teatro Kopò)

3 marzo 2020 5 DAYS OF FALLING

TrashDollys (danza – Foyer Teatro Verdi)

5 marzo 2020 CHARLOT IN PRIMO PIANO

Casarmonica (video e musica – Susumaniello Winebar)

22 marzo 2020 BRINDISI DANCE MOVIE FESTIVAL

(festival internazionale di video danza – Teatro Kopò)

26 aprile 2020 FORM(A)CTION CHOREO

(coreografie d’autore – Ex Chiostro S. Paolo Eremita)

Nel foyer del Nuovo Teatro Verdi gli artisti apriranno gli spettacoli del cartellone.

Info brindisiperformingarts@alphaztl.com 3478172498

Prenotazioni SUSUMANIELLO 3208257367

Prenotazioni Teatro Kopò 0831260169 / 3755311802

Info Teatro Verdi: 0831562554


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.