BRINDISI.Presentazione del libro “Christian Hess e il suo spazio di libertà. Un’interpretazione” di Cristina Martinelli.

Giovedì 12 dicembre 2019 alle ore 17.30, Sala Conferenze – Palazzo Granafei, Brindisi

Giove 12 dicembre 2019 alle ore 17.30, presso la Sala Conferenze di Palazzo Granafei a Brindisi, sarà presentato ufficialmente il saggio Christian Hess e il suo spazio di libertà. Un’interpretazione” di Cristina Martinelli, edito da Edizioni Esperidi.

Introdurrà la serata con il saluto Franca Mariani presidente dell’associazione “Amici dei Musei” di Brindisi; insieme all’autrice interverrà Massimo Guastella docente di Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Università del Salento. Sarà presente l’editore Claudio Martino.

Il libro. Il saggio proporne un’interpretazione dell’opera di Christian Hess (1895-1944), promettente pittore tedesco e sperimentatore delle avanguardie nella effervescente Monaco dei primi decenni del Novecento.

Nel 1929 Hess aderisce all’unione di artisti monacensi Juryfrei e poco dopo, nel 1931, le SA durante la Kampflbundesfür deutsche Kultur lo aggrediscono; nel giugno dello stesso anno in un incendio doloso del Glaspalast vanno bruciate tremila opere, tra cui quelle di Hess. Nel 1933, a seguito delle misure note come Gleichschaltung, l’artista si rifugia in Sicilia dove inizia un nuovo periodo in cui il simbolismo mimetizza la tragedia della Germania, dell’Artista sradicato, dell’uomo Hess. Nel saggio, l’autrice interroga le composizioni pittoriche, indaga la Biblioteca e la Discoteca di Hess, le sue visite ai musei italiani per delineare i riferimenti culturali, attraverso i quali si comprende il simbolismo, quindi la sua disperazione. Dal punto di vista della tecnica pittorica, la Sicilia con i suoi colori e la luce mediterranea influenzano le opere di quel periodo, tanto da essere stato indicato da alcuni critici come il precursore dell’Espressionismo.

L’autrice. Cristina Martinelli è narratrice e saggista, con particolare interesse per la Storia della Seconda Guerra Mondiale e Storia del II Corpo polacco: I Papaveri di Montecassino (Besa 2004) = Maki na Monte Cassino (MTW, Varsavia 2007), Salento d’altre Storie. I soldati di Anders nel Salento tra guerra e dopoguerra (Grifo 2011), MichałLejczak. Il mio memoriale, in Testimonianze-Vol. VI (Oficyna Wydawnicza ŁOŚGRAF, Warszawa 2011), Ripartire da Francesco Nullo (Td’O 2013), Tra Memorialistica e Saggistica in Ricordare il II Corpo Polacco, Atti del Convegno “Inter arma non silent musae” Roma, 23-24 aprile 2013, (Oficyna Wydawnicza ŁOŚGRAF, Warszawa 2014), La canonizzazione dei Martiri d’Otranto nella Polonità di Karol Wojtyła (Esperidi 2015). Per alti meriti culturali è insignita della Croce di Ufficiale della Repubblica Polacca-Presidente Repubblica Polacca e Medaglia Pro Memoria-Ministero della Difesa Polacca. Fra le altre pubblicazioni in volumi monografici: Sulle tracce della poesia di Corina (Bastogi 2007), Tra il Don e il Serchio (Bastogi 2008), Le Scuderie dei Marchesi Del Tufo a Matino (Grifo 2008), Quando comincia il canto (Besa 2012), I Del Tufo di Matino. Il declino (Grifo 2014), Da Specchia di Vaje a Casarano. Ragionamento sulle origini di Casarano motivato dalla Toponomastica locale (Esperidi 2017), Il senso dell’incontro. Leggere Mariateresa Protopapa con Guillaume Apollinaire e Girolamo Comi (editSantoro 2018).

Nell’ultimo appuntamento di Brindisi Cuore si è parlato, con il dott. Angelo Pastore

 

.