A Natale puoi … andare a piedi in città

La tradizione prevede che nel periodo Natalizio si è un po’ Tutti più buoni. Questa tradizione deriverebbe dal fatto che proprio in questo periodo dell’anno il repentino susseguirsi alcune importante ricorrenze, la nascita di Gesù e il Capodanno inducono una riflessione sulla propria vita e le sue cose più importanti.

Riflessione che puo essere maggiore se ci si concede più tempo a stessi. Fuggendo dalla frenesia della quotidianità. Quale attività fisica  favorisce la riflessione è il concedersi del tempo? Camminare  per le vie della propria città magari addobbate a festa, magari brulicanti di un atmosfera di condivisione collettiva degli stessi spazi.

Dunque a Natale puoi … andare a piedi in città.

E’ questo l’invito che la piccola Associazione Nova Era rivolge a Tutti i Cittadini. Invito che fa da tempo, attraverso alcune sue campagne di sensibilizzazione contro l’uso e sopratutto l’abuso delle auto (a combustione) per muoversi in città. E’ soprattutto l’abuso (inteso come uso eccessivo) delle auto per muoversi in città, ad essere  un cattiva abitudine che dovremmo Tutti Noi modificare. Una recente ricerca fatta sul campo ha stabilito che circa il 35% degli spostamenti in auto fatti in città sono sotto 1 (uno) kilometro per tratta.  In pratica per raggiungere un luogo in città che magari dista appena  600/700 metri da casa prendiamo l’auto. E’ una cattiva abitudine che incide sulla qualità della vita di Tutti anche di chi la pratica. Allora a Natale siamo più buoni, sforziamoci di poter cambiare alcune nostre cattive abitudini.

A Natale puoi … andare a piedi in città. #aNatalepuoiandareapiediincittà @senzaautoincittà.

 Angelo Camassa

(Presidente Associazione Nova Era)


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.