Protezione fauna selvatica, Turco: “Sbloccati 100mila euro per quattro centri pugliesi. Fondi anche per Manduria”.

“Anche per questa annualità la Regione Puglia dimostra la sua attenzione all’ambiente e alla fauna selvatica, stanziando somme certe per l’apposito Osservatorio”.

Esprime soddisfazione il consigliere regionale Giuseppe Turco per l’atto dirigenziale (n.504 del 17 dicembre scorso) che impegna la spesa di 100mila euro per censimenti e monitoraggi della fauna selvatica di interesse regionale per quattro beneficiari (Provincia di Brindisi, Consorzio di gestione di Torre Guaceto, Calimera e le Riserve Naturali Regionali del litorale Tarantino Orientale (Manduria) e ciascuno per un importo di 25mila euro.

“Si tratta – spiega Turco – di un finanziamento da me chiesto e ottenuto con un mio emendamento nel bilancio di previsione dello scorso anno e che ora trova piena applicazione per dare pieno sostegno alla tutela della fauna. Ma non solo. Con queste risorse i beneficiari potranno migliorare le strutture dedicate e implementare l’attrezzatura e le macchine utilizzate; organizzare eventi, manifestazioni e laboratori didattici mirati alla diffusione della migliore conoscenza dei temi inerenti la fauna selvatica. Insomma, potranno rafforzare tutte quelle buone pratiche per rendere le nostre aree naturali dei veri centri di conoscenza e di rispetto dell’ecosistema. E penso in particolare alla riserva di Manduria che, da tempo, sta avviando una meritevole azione di valorizzazione del sito”.

“Esprimo un personale ringraziamento al consigliere Turco e a tutta la struttura regionale che ha riconosciuto l’importante lavoro svolto negli ultimi due anni dal centro territoriale di Manduria, affidato alle Riserve Naturali” dichiara il direttore Alessandro Maraggiò. “È una nuova responsabilità – aggiunge – che ci darà la possibilità di svolgere azioni mirate di tutela in campo faunistico, che si affiancheranno a quelle svolte quotidianamente in cambio floristico. La casa del parco sarà la fucina di sede logistica del centro, che vedrà un potenziamento sia di personale specialistico, sia di macchine ed attrezzature dedicate. Siamo entusiasti, poiché il centro territoriale sarà un punto fermo per il futuro dell’area protetta, anche con il coinvolgimento attivo di tutta la comunità attraverso azioni specifiche di divulgazione e promozione”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.