BRINDISI.Dipietrangelo (Left Brindisi).La città riparta dal porto

Il porto di Brindisi è al capolinea della sua millenaria storia? Se non si agisce e reagisce rischia grosso. Si è arrivati ormai al dunque.

E mentre si discute nel frattempo il porto rimane sempre quello che era: un porto naturale, infrastrutturato nei secoli passati e per ultimo negli anni 60 al servizio di una zona industriale progettata in quegli anni(facendola diventare tra le più infrastrutturate d’Italia). Interventi seri per adeguarlo alle esigenze dei  ambiamenti che ci sono stati nella competizione portuale italiana e mediterranea sono stati molto pochi e qualche volta sbagliati e inutili o addirittura bloccati. Il porto di Brindisi rimane forse bello a guardar lo, così come rimangono ancora intatte le sue potenzialità naturali e polifunzionali.

Un porto, però, che così come è oggi, non è sufficiente per essere produttivo, attrattivo e competitivo. Il ritorno al passato sia quello dei turisti dei traghetti per la Grecia (anni 60/70/80) così come quello al servizio di una industria di base (petrolchimica e combustibili fossili) non è più proponibile. Le navi di ultima generazione non possono più attraccare per mancanza di sicurezza, di fondali e di moderne in frastrutture. Il vecchio apparato produttivo industriale si sta ridimensionando e una parte di esso è in una fase dì esaurimento. Sono indicativi i dati della movimentazione delle merci e delle rinfuse di questi ultimi anni così come prive di futuro sono ormai le prospettive di alcuni settori come quello energetico. Gli allarmi degli ope ratori e l’ultima lettera/denuncia del presidente dell’autorità portuale impongono a tutti scelte coraggiose, tempestive e coerenti. Alcune domande andrebbero fatte a tutti coloro che hanno una responsabilità decisoria. Il porto può rimanere lo stesso dei decenni passati? Le sue vecchie infrastrutture e spazi possono essere rifunzionalizzati? Di cosa ha bisogno il porto?

Il mare è tornato al centro di tutto. Economia, strategie geopolitiche, sicurezza, commercio, energia. Il mare mediterraneo dopo il recente raddoppio del canale di Suez, rappresenta una opportunità ritrovata in un’area ricca di risorse e dalle enormi capacità di sviluppo. Da qui passano già il 30% del commercio mondiale di petrolio, il 20% del traffico marittimo, un terzo del turismo mondiale. Un mercato di 500 milioni di consumatori sparsi in una ventina di Paesi. Brindisi si trova qui.

In tutto il mediterraneo nei vecchi porti, in Spagna, in Grecia e in Francia, è stata fatta una pianificazione da cui sono scaturiti investimenti strutturali e infrastrutturali. A questi porti se ne sono aggiunti di nuovi come quelli costruiti nel nord Africa che già intercettano notevoli traffici marittimi. Per non parlare poi dei porti del nord
Europa. E noi a Brindisi facciamo polemiche mentre il porto si avvia ad un declino. Rischia di diventare sempre più marginale.
Presidenti e commissari del porto, amministratori locali e regionali che si sono susseguiti in questi anni non sono stati all’altezza delle potenzialità del porto ma soprattutto non hanno capito in tempo che la portualita’, le navi, i traffici stavano cambiando con la globalizzazione e che i servizi e le infrastrutture del porto di Brindisi erano ormai datati.
Si è perso molto tempo a pensare e a progettare, e mentre la rendita del passato si esauriva è stata di fatto paralizzata la realizzazione di interventi nuovi e necessari per ridare attrattivita’ e competitività al porto. Ma quello che è stato e tuttora è il maggiore limite è che non c’è mai una discussione serena e competente per decidere quello che si vuole che diventi il porto di Brindisi, sia alla luce dei nuovi possibili traffici e sia di quelle che sono le sue necessarie riconversioni a fronte di quello che è il lento esaurimento del vecchio apparato industriale brindisino.
Si parla tanto di Zone Economiche Speciali(ZES) che potranno diventare funzionali non certamente per le pur necessarie semplificazioni amministrative, per la quantità di aree inserite o da inserire quanto se alle spalle di esse esiste una efficace ed efficiente dotazione infrastrutturale in grado di aumentare la capacità operativa in
termini di costi e di tempi. E il porto è centrale.

Il porto di Brindisi si trova al “crocevia di poteri” che invece di interagire e cooperare, interferiscono. Una autorità portuale che si trova a Bari, un Consorzio Asi che ha potestà su aree retroportuali, la capitaneria di porto con tutte le sue funzioni, il comune che si trova con un porto dentro la città e che lo dovrebbe considerare uno degli asset del proprio sviluppo. Se non si costruisce un approccio collaborativo e sinergico, il porto di Brindisi è destinato ad uscire fuori dai traffici più interes santi e redditizi per diventare sempre più residuale rispetto alla portualita’ del me diterraneo che nel frattempo continua a spostare e ad attrarre vecchi e nuovi traffici. Allora la domanda che si devono fare coloro che hanno delle responsabilità politiche, amministrative ed economiche, cosa si vuole che diventi il porto di Brindisi?

I porti sono attività economiche e come tali richiedono investimenti, adeguamenti e innovazioni continui. Le navi non sono quelle di una volta e richiedono infrastrutture, fondali, servizi diversi, qualificati ed efficienti, altrimenti o non arrivano o se ne vanno altrove.
È ora che si faccia chiarezza definitiva sulle infrastrutture e i relativi investimenti necessari su tutte le banchine e sulle aree portuali, sulla loro fruizione compatibile e sostenibile. La chiarezza deve andare di pari passo alla trasparenza e alla lungi miranza che in alcuni punti del “crocevia dei poteri” sembrano latitare. Che ci vuole per definire un piano degli spazi attuali e delle aree necessarie per nuovi, qualificati e sicuri servizi, liberandosi delle vecchie logiche e consuetudini? Insomma se il porto è un asset importante dello sviluppo di brindisi esso va reso produttivo e at trattivo di traffici, altrimenti non è un porto! Che aspetta allora il comune di Brindisi per prendere una iniziativa convocando la comunità del porto, gli attuali e quelli potenziali utilizzatori, per definire una agenda di priorità a partire da come utilizzare le infrastrutture che l’esaurimento del vecchio apparato produttivo lascerà libere?
Di tutto ha bisogno il porto tranne che di ulteriori conflitti, polemiche o addirittura di vecchi attriti che nulla hanno a che fare con la nostra città.

Carmine Dipietrangelo
Presidente Left Brindisi


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.