L’inverno sulla pelle: un’infografica sulla corretta idratazione del corpo

Sintomi, rischi e rimedi per una pelle splendente.

Per sottolineare l’importanza dell’idratazione per la pelle, Nivea ha creato l’infografica “Inverno e pelle secca” in vista dell’arrivo della stagione più fredda.

Ogni anno in concomitanza all’abbassamento delle temperature si presentano puntualmente i classici inestetismi della cute: arrossamenti, prurito, pelle poco elastica o facilmente irritabile. Le zone più colpite sono tipicamente braccia, gambe, viso e mani, che sono anche tra le più delicate del corpo.

Il principale motivo alla base di tutte queste problematiche è la scarsa idratazione cutanea e la spiegazione è proprio nella composizione della pelle: il derma contiene il 70% di acqua, mentre l’epidermide (ossia lo strato più esterno) ha una percentuale che varia dal 35% al 20%. Non appena la percentuale di acqua presente scende al di sotto del 20% si presentano le prime conseguenze e la pelle diventa secca e screpolata.

L’inverno è dunque una stagione che mette a dura prova la pelle: il freddo restringe i vasi sanguigni mentre gli ambienti troppo caldi possono ridurre l’umidità dell’aria. I consigli per una corretta idratazione della pelle vanno dall’applicare delle creme idratanti intensive e nutrienti al seguire una corretta alimentazione che comprenda alimenti ricchi di vitamina A, B, C ed E e sali minerali come magnesio, zino e selenio.

Infine, dato che il 24% degli italiani dichiara di bere meno di 1 litro al giorno, va detto che la quantità consigliata di acqua è di circa 2 litri al giorno e che al contrario andrebbe ridotta l’assunzione di alcool e caffè che aumentano la disidratazione.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.