FONDI COMUNITARI AGRICOLTURA, ZULLO: 86 MILIONI PERSI E 34 DATI IN MANIERA ‘ILLEGITTIMA’ (SECONDO EX ASSESSORE), EMILIANO VENGA IN AULA A DARE RISPOSTE

Dichiarazione del capogruppo regionale di Fratelli d’Italia, Ignazio Zullo

“La Puglia è in mano a un presidente inaffidabile, inconsistente e a questo punto anche pericoloso per la collettività. Solo ieri sera Michele Emiliano sosteneva che non c’era ‘nessuna preoccupazione di disimpegno nella spesa dei Fondi comunitari da parte della Regione Puglia. Persino nella spesa dei PRS negli ultimi mesi abbiamo recuperato tutti i ritardi’. E oggi a smentirlo in modo plateale non siamo noi dell’opposizione, ma l’AGEA che pubblica i dati di tutte le Regioni italiane sull’utilizzo dei fondi europei in agricoltura.  La Puglia è ultima in Italia ed è l’unica che dovrebbe restituire all’Europa 86 milioni euro.

Ma ci sono altri milioni, sempre del PSR, ben 34 sui quali Emiliano non dà ancora risposte: sono quelli che secondo il suo ex assessore regionale all’Agricoltura sarebbero stati dati illegittimamente ad aziende agricole ‘amiche’. Un’accusa grave, fatta pubblicamente, dalla quale il presidente scappa! Non risponde, non lo ha fatto in Consiglio regionale dove Leo Di Gioia ha sferrato il duro attacco e continua a farlo ora.

“Continua a fare campagna elettorale in lungo in largo per la Puglia facendo stabilizzazioni come se fosse grazie a lui che quei precari di Sanitaservice o Innovapuglia vengono assunti a tempo indeterminato. Un grazie che lui spera si trasformino in consensi. Anche su questo aspetto è necessario che Emiliano venga in aula per rispondere di un comportamento che noi reputiamo spregiudicato”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.