Ex Ilva, D’Amato (M5S) presenta interrogazione a Ue: “Accertare danno sanitario”

“Nel 2015, è stato accertato che c’è un rischio sanitario non accettabile per cittadini residenti nel quartiere Tamburi di Taranto a causa della produzione di acciaio dell’ormai ex Ilva, che in quell’anno aveva toccato i 4,7 milioni di tonnellate. Nel 2019, la produzione è rimasta più o meno la stessa e, di conseguenza, il rischio non è cambiato. Eppure, per le legge italiani, gli impianti siderurgici sono esclusi dalla Vis, la valutazione di impatto sanitario.

A mio avviso, si tratta di una violazione della Direttiva Ue in materia, la 52 del 2014. E per questo ho inviato una interrogazione alla Commissione europea affinché confermi o meno questa violazione. Inoltre, ho chiesto a Bruxelles di intervenire con urgenza sull’impianto di Arcelor Mittal per far fronte ai rischi per la
salute degli abitanti del quartiere Tamburi. Non è accettabile che la stessa Europa che dice di puntare sulla rivoluzione ecologica con il suo Green Deal, chiuda gli occhi dinanzi a uno scempio ambientale come quello che da troppo tempo viviamo a Taranto. La prossima settimana, la Commissione europea presenterà il suo piano per la transizione ecologica delle aree più inquinate, il Just Transition Mechanism. Taranto sia messa al centro di questo piano”. Lo dice l’eurodeputata del Movimento 5 Stelle, Rosa D’Amato.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.