Banca Popolare di Bari. Laricchia (M5S): “Siamo accanto alle famiglie: un incontro con il Governo il 17 gennaio”

“Dialogare con la politica e sentire da che parte siamo: le famiglie di risparmiatori danneggiate dal fallimento della Banca Popolare di Bari hanno bisogno anche di questo.

Perciò vogliamo mettere in campo azioni concrete, a cominciare dal prossimo incontro di venerdì 17 gennaio che stiamo organizzando qui a Bari con il governo”, lo ha dichiarato la consigliera regionale del Movimento 5 Stelle Antonella Laricchia durante l’incontro in Consiglio Regionale con una delegazione di correntisti e azionisti della Banca Popolare di Bari guidata dall’avv. Giuseppe Romito dell’Associazione Avvocati dei Consumatori.

“Appoggeremo la proposta del presidente del Consiglio Regionale – spiega Laricchia – di una mozione per sottolineare la drammaticità della situazione delle famiglie, ma soprattutto faremo in modo che le famiglie possano dialogare con la politica. Per questo, come avevo promesso durante la manifestazione all’indomani della notizia del fallimento della banca, il prossimo 17 gennaio ci sarà un incontro con il sottosegretario all’Economia Villarosa e i parlamentari del Movimento 5 Stelle Gianmauro dell’Olio e Francesca Anna Ruggiero, rispettivamente componenti della commissione Bilancio del Senato e della commissione Finanze della Camera. Ascoltare tutti e accogliere i suggerimenti può essere particolarmente importante in questo momento in cui il decreto è in fase di conversione. Inoltre, la Regione può mettere in campo alcune azioni concrete come l’Osservatorio del Credito e Commissioni di Studio, strumenti che possono essere utili per far sì che casi come quello della Banca Popolare non accadano più”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.