BRINDISI.Mensa scolastica, verme all’interno di cibo confezionato.Lettori: “Da Serenissima attendiamo chiarimenti”

A seguito dell’episodio che si è verificato ieri, 16 gennaio, in cui una mamma ha trovato un verme all’interno di cibo confezionato e distribuito ad un giovane scolaro durante il servizio mensa, l’amministrazione comunale si è immediatamente attivata per comprendere quanto accaduto.

L’assessore alla Pubblica Istruzione Isabella Lettori, attraverso gli uffici, ha contattato i responsabili della ditta Serenissima che gestiscono la refezione scolastica e i rappresentanti del Comitato Mensa.

In particolare sono state chieste informazioni in merito all’azienda fornitrice del pane, le indicazioni su qualificazioni, luoghi e modalità di manipolazione del cibo, le procedure adottate per la lotta agli infestanti, le azioni correttive poste in essere da Serenissima e il personale che ha manipolato il cibo.

Vogliamo capire di cosa si tratta, cosa è successo ed eventuali responsabilità saranno sanzionate – precisa l’assessore Lettori -. Non resteremo a guardare perché la salute dei bambini ci sta a cuore e credo che le famiglie meritino risposte e rassicurazioni. Voglio sottolineare anche che, in questi mesi, non sono giunte segnalazioni di disservizi da parte del Comitato Mensa né dalle famiglie. Siamo impegnati ad esercitare la nostra funzione di vigilanza in modo concreto a tutti i livelli”.

Da dicembre, come prevedeva il capitolato, l’amministrazione si è dotata anche di una figura tecnica che controlla la qualità del cibo.

Per la prossima settimana è stato convocato il Comitato Mensa.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.