BRINDISI.ANTONINO (PRI):Una piazza da intitolare ad Ugo LA MALFA per svegliaci dal sonno della ragione.

In un periodo in cui prevale la politica spettacolo, in cui “saper comunicare” è molto più importante che non fare proposte serie, ho ritenuto giusto depositare una proposta di deliberazione per intitolare una piazza di Brindisi ad Ugo LA MALFA, che della sobrietà e della ponderatezza del suo comportamento e delle sue idee aveva fatto la sua ragione di vita.


In particolare ho proposto che sia dedicata allo statista siciliano la piazza all’incrocio tra via Carnaro, Via Tirolo e Via Sicilia.Del resto Brindisi ha dedicato altre vie ad importanti uomini politici del secondo dopoguerra appartenenti alla cultura cattolica o comunista, come Aldo Moro e Palmiro Togliatti, ma mai ad esponenti dell’area laica e liberale.Ritengo che Ugo LA MALFA meriti questo tipo di riconoscimento.Credo, infatti, che non si possano nutrire dubbi sulle qualità politiche ed umane dell’esponente repubblicano.Antifascista, tra i fondatori del Partito d’Azione, padre costituente in qualità di componente dell’Assemblea insediatasi nel 1946 con il fine di dare un ordinamento democratico allo Stato italiano.E poi ininterrottamente deputato dal 1948 sino alla morte, più volte Ministro, Segretario del Partito Repubblicano dal 1965 al 1975 e poi Presidente del PRI sino al 1979, anno della sua scomparsa.Mi auguro che l’intera Assise cittadina condivida questa mia proposta.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.