Sanità. M5S: “Emiliano maschera le chiusure con finte riconversioni. La smentita non ci tranquillizza”

“Le riconversioni degli ospedali in Puglia sono in realtà chiusure mascherate, quindi la ‘smentita shock’ data da Emiliano alla notizia diffusa questa mattina sulla stampa della chiusura di 11 nosocomi, poco ci tranquillizza.

Dal nord al sud della Puglia gli ospedali che avrebbero dovuto essere riconvertiti per potenziare la sanità territoriale sono in realtà scatole vuote, utili al (non) assessore alla sanità solo per fare foto di rito durante le inaugurazioni. Ecco qual è la verità che cerca in tutti i modi di nascondere, prendendosela con i giornalisti che invece la raccontano. Il tutto in nome di ospedali nuovi che non si sa se e quando vedranno la luce, mentre i cittadini hanno bisogno di risposte immediate”. Lo dichiarano i consiglieri del Movimento 5 Stelle.

“Uno smantellamento, quello della sanità pugliese – proseguono – iniziato con Fitto e proseguito con il centrosinistra, fino ad arrivare al ‘capolavoro’ di Emiliano che con la scusa delle riconversioni, in realtà ha tagliato l’assistenza sanitaria, in questo trattando allo stesso modo tutti i pugliesi, con ospedali di fatto chiusi da Spinazzola, Canosa e Trani a San Pietro Vernotico, Mesagne e Fasano, passando per Triggiano, Terlizzi e Grottaglie solo per fare alcuni esempi. Presidi territoriali che presentano numerose criticità e dove gli ambulatori previsti sulla carta non sono in molti casi mai stati realmente attivati. A questi vanno aggiunti gli ospedali declassati a ospedali di base, il cui destino in molti casi sarà la chiusura in virtù della realizzazione dei nuovi nosocomi, come per Scorrano e Galatina. Nel frattempo così i territori sono scoperti per le urgenze più gravi e, con un’assistenza territoriale praticamente inesistente, vengono assaltati dai codici bianchi i pochi pronto soccorso rimasti. Emiliano vuole ristabilire la verità sugli ospedali pugliesi? È presto detta: riconvertire equivale a chiudere.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.