Prima tappa a Santeramo del tour organizzato dal M5S con Massimo Di Felice per parlare di democrazia e cittadinanza digitale

Ieri abbiamo parlato del team del Futuro e oggi siamo a lavoro in Puglia per educare alla cittadinanza attiva e alla democrazia. Un’operazione culturale che chiama tutti a partecipare! Le nostre relazioni cambiano e anche la partecipazione politica. Di fronte ai cambiamenti climatici, a nuove esigenze e al patrimonio di informazioni attraverso i dati possiamo arrivare a decisioni migliori.

Di questo si è parlato nell’incontro a Santeramo in Colle con il sociologo Massimo Di Felice, docente di Teoria delle Reti Digitali all’università di San Paulo in Brasile che ha presentato il suo libro “La Cittadinanza Digitale, la crisi dell’idea occidentale di democrazia e la partecipazione nelle reti digitali”.

All’incontro, organizzato dalla consigliera del Movimento 5 Stelle Antonella Laricchia, sono intervenuti anche il sindaco di Santeramo, Fabrizio Baldassarre e la parlamentare M5S Angela Masi, componente della commissione Attività Produttive, Commercio e Turismo. Presente anche la parlamentare Francesca Anna Ruggiero, neo eletta facilitatrice regionale per le Relazioni Interne. Ha moderato la giornalista Anna Larato.

“Abbiamo voluto organizzare questo incontro con Massimo Di Felice – spiega Antonella Laricchia – per approfondire i valori fondanti del Movimento 5 Stelle, la forza politica più innovativa del nostro paese. Abbiamo abolito i privilegi della politica come i vitalizi, abbiamo aiutato gli ultimi con il Reddito di Cittadinanza, stiamo creando lavoro e stabilità con il Decreto Dignità la spinta all’innovazione, c’è ancora molto da fare ma stiamo davvero tutelando la vita dei nostri cittadini pugliesi. Ogni cittadino potrà accedere alle informazioni e alla sua situazione e alla spesa pubblica. La rivoluzione nel merito è partita dal nostro metodo. Il vero successo del Movimento 5 Stelle è proprio questo: avete finalmente la libertà di scegliere persone nuove, pulite e non attaccate alle poltrone”.

Il sindaco di Santeramo in Colle, Fabrizio Baldassarre: “La trasformazione digitale la vediamo tutti i giorni – ha dichiarato – anche nell’amministrazione locale. Spesso abbiamo imparato a nostre spese, commettendo errori, ma abbiamo anche colmato la distanza con i cittadini, rendendo più facile l’accesso alle informazioni e mostrando cosa l’amministrazione fa per il proprio paese”.

Nuove forme digitali di cittadinanza e di appartenenza, non più necessariamente legate ad un luogo fisico o a singole nazioni: sono gli scenari verso cui si va incontro.

“Gli spazi di partecipazione online si sono moltiplicati, il net attivismo ha cambiato il modo di fare politica – ha concluso Massimo Di Felice – oggi occorre costruire algoritmi e software in grado di garantire il rispetto dei diritti di tutti e una partecipazione concreta e attiva dei processi decisionali e di governance. Educare alla cittadinanza digitale è un dovere per la nostra società e per tutte le istituzioni: significa educare alle partecipazione responsabile, interazione consapevole, costruzione delle competenze”. Il tour per presentare il libro di Massimo Di Felice e per parlare della cittadinanza digitale, continua domani, venerdì 24 gennaio alle 18.30 a San Severo (via Angelo Fraccacreta, 33) e si chiuderà domenica 26 gennaio alle 10.30 in piazza Galtieri a Adelfia.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.