BRINDISI.“Mille occhi sulla città”: rinnovato il protocollo integrato per la sicurezza

Presso la Prefettura di Brindisi – insieme al prefetto e al questore, Umberto Guidato e Ferdinando Rossi – si sono ritrovati i sindaci dei Comuni di Mesagne, Fasano, Francavilla Fontana e Ostuni per la sottoscrizione del protocollo che richiama i punti salienti dell’atto convenzionale nazionale in fase di rimodulazione presso il dipartimento di Pubblica Sicurezza del ministero dell’Interno.

Il documento è stato firmato anche dai rappresentanti di “Blu Vigilanza srl”, “La Vedetta srl”, “Vigil Nova srl”.“Mille occhi sulla città” – siglato per la prima volta nel 2010 dal ministero dell’Interno, dall’Anci e dalle associazioni rappresentative degli istituti di vigilanza privata – è stato rinnovato per un ulteriore triennio. Nel corso dell’incontro, il prefetto Guidato ha sottolineato l’importante funzione dei sistemi di videosorveglianza; Mesagne, tra gli Enti locali coinvolti, è il Comune che dispone del maggior numero di telecamere. “Altre ne sono state previste nelle aree più sensibili della città, si tratta di strumenti utili a favorire la collaborazione tra l’Ente, le Forze di Polizia e gli istituti privati di vigilanza. L’impegno congiunto rappresenta un obiettivo prezioso per la promozione delle politiche della legalità sui territori, funzionale al rafforzamento di un più efficace sistema integrato di sicurezza”, ha spiegato il sindaco di Mesagne, Toni Matarrelli. I soggetti coinvolti nell’accordo formale sono chiamati a compiti di osservazione e trasmissione di informazioni di particolare utilità nelle azioni di prevenzione e repressione dei fenomeni criminali.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.