LECCE.VOX ITALIA: pericolo 5G in piazza con i medici Isde, pediatri e associazioni.

Alla protesta, organizzata nei pressi di Porta Napoli per sensibilizzare sui gravi danni alla salute legati all’implementazione della nuova tecnologia.

L’interesse dimostrato a Lecce dai cittadini all’iniziativa organizzata da ISDE , associazione medici per l’ambiente , dimostra quanta grande sia la preoccupazione per i rischi di inquinamento elettromagnetico prodotto dalle antenne wireless 5 G. Alla manifestazione di sensibilizzazione in piazza ha portato il proprio sostegno anche una delegazione di Vox Italia guidata dal giornalista Giancarlo Vincitorio e l’avvocato David Maggi. C’è stata la partecipazione di numerose associazioni tra cui anche la federazione italiana medici pediatrici, Codacons , Comitato Salute e Ambiente, Codici, associazione per la prevenzione e la lotta all’elettrosmog , AISAS, Elettrosensibili, Rete Ambiente, salute del Salento.

Quello del 5G – dichiara Vincitorio – è un grave problema che, pur nel distinguo dell’approccio ideologico di ciascuna sigla di appartenenza , aggrega i cittadini e rende più ampio il fronte unico da contrapporre a sindaci deboli che sono già predisposti mentalmente , purtroppo , ad autorizzare l’installazione di antenne 5G. La posizione di Vox Italia è semplice ed inequivocabile: neppure un’antenna 5G deve essere installata se prima non si forniscono garanzie sulla loro sicurezza per la salute dei cittadini e l’ambiente”.

Con queste stesse finalità Vox Italia aveva già manifestato in piazza a Lecce a dicembre , ora l’ha fatto solidarizzato con gli organizzatori del punto informativo attivato sabato mattina e analoga propria iniziativa sarà sviluppata a fine febbraio.

Siamo l’unico movimento politico – dice Vincitorio – che in Italia sta facendo questa importante battaglia per la salute dei cittadini contrastando il Governo centrale e le amministrazioni regionali e comunali favorevoli al 5G. In Salento stiamo dimostrando di essere molto attivi e fa piacere riscontrare il crescente sostegno dei cittadini”.


(Ricorda, puoi spegnere il tuo wifi e il tuo cellulare. Ma non puoi spegnere le torri 5G).