Randagismo, Pellegrino: Orgoglioso di una legge che tutela animali e che dirime vecchie storture normative. Ora regole certe su gestione, sterilizzazione e contenziosi

<<Un provvedimento altamente qualificante per l’intera legislatura e che abbraccia a 360 gradi il benessere degli animali domestici elevandone la dignità>>.

Esprime piena soddisfazione il consigliere regionale e vice presidente della III Commissione Sanità, Paolo Pellegrino, commentando il via libera dal Consiglio regionale al disegno di legge sul contrasto al randagismo.

<<Un disegno di legge – spiega Pellegrino – che ha recepito diversi spunti della mia proposta di legge, già presentata circa tre anni fa, nel 2017. Qualcuno alla vigilia riteneva che questo fosse un articolato troppo complesso e invece, a mio avviso, dirime una volta per tutte le difficoltà incontrate con la precedente legge e ne completa la valenza dando ampio respiro al tema del benessere dell’animale domestico, oltre che dell’animale randagio.

La precedente norma infatti era caratterizzata ad esempio da una mancata demarcazione delle competenze in materia di prevenzione del fenomeno e che ha solo determinato contenziosi tra Comuni e Asl sui danni riferibili alla presenza dei randagi. Ora invece dettiamo regole ben precise sia per i Comuni e sia per le Asl. Inoltre viene regolamentata con precisione la capienza dei canili sino a un massimo di 200 ospiti, confidando che l’offerta di posti di ricovero possa incentivare maggiormente il tema della sterilizzazione e delle adozioni.

Ma non solo. Adeguandoci alla sentenza della Corte Costituzionale si apre di fatto la gestione dei comunali canili alle associazioni e ai privati. E siccome i privati hanno ovviamente scopo di lucro, si correva il rischio che le procedure di affidamento potessero pregiudicare il benessere degli animali. E invece no. Noi con questa legge evitiamo tale rischio stabilendo che l’aggiudicazione della gestione non avverrà in base al ribasso economico di gara (i cui costi fissi infatti li stabilirà la giunta regionale), ma avverrà sulla base di un confronto migliorativo sulla qualità dei servizi offerti>>.

<<Un altro punto centrale – continua Pellegrino – sono le sterilizzazioni con l’obbligo per le Asl di programmare annualmente un certo numero di sterilizzazioni. In caso contrario scatteranno sanzioni a carico del direttore generale di riferimento>>.

<<In questa battaglia di civiltà non posso non ringraziare – conclude Pellegrino – tutte le associazioni del volontariato che hanno dato un contributo indispensabile al presidente e assessore alla Sanità, Michele Emiliano, per arrivare a un testo di legge, non solo a carattere meramente organizzativo, ma fondamentale per la tutela del benessere di tutti gli animali domestici, andando oltre la semplicistica dimensione del randagismo>>.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.