BRINDISI.Laboratorio di Innovazione Urbana – Seconda edizione

Riapre il bando di Palazzo Guerrieri alla ricerca di altri 10 gruppi di lavoro con cui progettare il futuro della città.

Ambiente, agricoltura, welfare, educazione, turismo, cultura, rigenerazione urbana, artigianato e manifattura: il bando, promosso dall’Assessorato alla Programmazione Economica e Sviluppo guidato da Roberto Covolo, intende sostenere iniziative economiche e sociali coerenti con le vocazioni di sviluppo di Brindisi per favorire processi di innovazione, percorsi di attivazione di comunità e la creazione di nuovi servizi collaborativi a favore della cittadinanza.

Le idee progettuali candidate possono essere a qualsiasi stadio di sviluppo: dalla semplice intuizione da trasformare in un progetto concreto ad una iniziativa avviata che necessità di sostegno per fare di più.

A disposizione: percorsi di affiancamento dedicati, spazi di lavoro condivisi, risorse per avviare sperimentazioni e molto altro. 

Il bando scade il 28 febbraio.

Avviso pubblico, istanza di partecipazione e formulario sono disponibili in Albo Pretorio del Comune di Brindisi (determinazione n°479 2020).

 

Ambiti di intervento

Il Laboratorio di Innovazione Urbana supporta idee progettuali a vocazione imprenditoriale nei seguenti ambiti:

a. Ambiente (ad es., riconversione ecologica, economia circolare, energie rinnovabili, ecc.)

b. Turismo e Cultura (ad es., turismo lento, turismo accessibile, turismo enogastronomico, promozione e fruizione del territorio, produzioni culturali, ecc.)

c. Agricoltura (ad es: servizi per la valorizzazione dei prodotti tipici, reti e filiere agroalimentari, nuovi sistemi di produzioni agricole, ecc.)

d. Artigianato e manifattura (ad es., manifattura leggera, disegno e produzione di nuovi prodotti collegati alle vocazioni della città, artigianato di qualità, ecc.)

e. Welfare ed educazione (ad es., servizi di welfare generativo, contrasto alla dispersione e allabbandono scolastico, investimenti in nuove competenze, transizione tra scuola e lavoro, educazione all’imprenditività, ecc.)

f. Rigenerazione urbana (ad es., valorizzazione di spazi abbandonati e/o sottoutilizzati, gestione dei beni comuni, ecc.).

 

Percorso di accompagnamento e supporto

Le organizzazioni ed i gruppi informali selezionati prenderanno parte a percorsi di accompagnamento personalizzati della durata di 3 mesi in cui usufruire di spazi e servizi dedicati allo sviluppo delle idee progettuali. Il percorso di accompagnamento richiederà limpegno di ciascun gruppo alla partecipazione alle attività di sostegno per almeno una giornata a settimana.

Gli incontri che saranno realizzati avranno come tema specifico:

il perfezionamento del disegno dellidea progettuale e del suo modello organizzativo;

la definizione dei fabbisogni finanziari e dei piani di impresa delle idee progettuali;

il rafforzamento delle competenze del gruppo di lavoro attraverso percorsi formativi generali e specifici;

lindividuazione ed il coinvolgimento di mentori e consulenti con competenze specifiche riferite allidea progettuale;

lindividuazione ed il reperimento di servizi specialistici e beni strumentali utili allo sviluppo delle idee progettuali;

la definizione di risorse, partenariati e reti strategiche per la realizzazione delle iniziative;

la definizione e la sperimentazione di prototipi di prodotti/servizi;

lindividuazione di fonti di finanziamento pubbliche e private.

Gli ambienti di Palazzo Guerrieri saranno messi a disposizione delle organizzazioni e dei gruppi informali partecipanti al Laboratorio di Innovazione Urbana sia come spazi di lavoro che come luoghi comuni per riunioni ed incontri.

A valle del percorso di accompagnamento e di co-progettazione, a seguito della costituzione del soggetto giuridico così come richiesto dal bando, a ciascun partecipante al Laboratorio di Innovazione Urbana potrà essere affidata la produzione o realizzazione del servizio innovativo proposto come risultante dal percorso di co-progettazione per un importo non superiore a 20mila euro.

Tale servizio dovrà contribuire ai percorsi di innovazione del Comune di Brindisi, anche utilizzando nuove tecnologie e processi per rendere più efficienti i percorsi amministrativi e/o facilitare percorsi di attivazione di comunità e la realizzazione di servizi collaborativi a favore della cittadinanza, contribuendo così a costruire dal basso una città più smart e sostenibile.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.