AGGRESSIONI OPERATORI SANITARI: LA PROPOSTA DI FDI IN CONSIGLIO REGIONALE

I consiglieri regionali Ignazio Zullo, Erio Congedo, Giannicola de Leonardis, Luigi Manca, Renato Perrini e Francesco Ventola hanno presentato una mozione


“Collaborazione tra istituzioni, maggiore presidio delle forze dell’ordine e tutela degli operatori sanitari mediante l’incremento di misure preventive. In Puglia, come in altre regioni d’Italia, troppi medici ed operatori sanitari sono vittime di aggressioni, spesso anche mortali – come il caso della psichiatra uccisa a Bari con 70 coltellate da un suo paziente –, durante lo svolgimento dell’attività professionale.

“Pertanto il gruppo regionale di Fratelli d’Italia Puglia ha presentato una mozione che impegna la Giunta regionale ad emanare specifiche direttive ai Direttori Generali delle Aziende Sanitarie pubbliche e private accreditate, affinché nell’ambito della normativa sulla sicurezza del lavoro venga valutato il rischio da aggressioni con misure preventive e di collaborazione con le Forze dell’Ordine. Questo sia per garantire maggiore tutela ai tanti professionisti, spesso donne medico operanti in luoghi isolati ed in orari notturni, sia per rispondere alla richiesta di norme più chiare e stringenti per la gestione del rischio e per scongiurare il ripetersi di episodi come quello già citato. Siamo certi di incontrare l’unanimità del consiglio regionale su un tema che non ha e non deve avere colore politico.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.