Consiglio regionale. M5S: “Discusse solo 2 interrogazioni su 44 per le assenze degli assessori. Mancanza di rispetto inaccettabile”

“Avere il record di consigli regionali convocati, è solo un modo per far credere ai cittadini di lavorare, mentre in realtà sono più le sedute finite nel giro di mezz’ora per mancanza del numero legale che quelle in cui si è prodotto qualcosa. Per non parlare di quelle sospese in tre minuti e riprese dopo più di un’ora per andare a chiamare i consiglieri di maggioranza dispersi chissà dove.

Ormai da oltre un anno non si discutono più le mozioni perché la maggioranza diserta le sedute e per le interrogazioni non va meglio. Oggi erano presenti in aula solo tre assessori, per cui è stato possibile dare risposta solo a due interrogazioni su 44 all’ordine del giorno”. Lo dichiarano i consiglieri del M5S al termine della seduta del consiglio regionale dedicata alla discussione delle interrogazioni.

“Ovviamente  – continuano – non abbiamo potuto discutere niente che riguardasse temi come sanità e agricoltura data l’assenza di Emiliano, che detiene entrambe le deleghe: parliamo di pronto soccorso al collasso, rispetto dei piani anticorruzione nelle Asl, infezioni ospedaliere. Le altre continuano da mesi a giacere in un cassetto e  sarebbero molte di più se non decadessero alla fine di ogni anno, costringendo noi consiglieri a doverle ripresentare perché gli assessori non si degnano di rispondere. Un modo di fare inaccettabile che ha caratterizzato questa legislatura sin dall’inizio, peggiorando nel tempo. Oggi la scusa era il forte vento, siamo curiosi di scoprire quale sarà la prossima”.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.