D’ATTIS (F.I.): IL FUTURO DEL PORTO DI BRINDISI E’ A RISCHIO, A COMINCIARE DALLA PROSSIMA STAGIONE CROCIERISTICA

Al di là delle accattivanti parole pronunciate nel corso degli “incontri-vetrina” organizzati sia a Brindisi che a Roma, il porto di Brindisi rischia il blocco totale, con le immaginabili conseguenze negative per l’economia dell’intero comparto.

I ritardi nel rilascio di pareri e autorizzazioni mettono a rischio i programmati investimenti infrastrutturali e le conseguenze sono davvero imprevedibili, già a partire dall’immediato.

Purtroppo questo scenario lo avevo già abbondantemente previsto ed è per questo che mi sono rivolto al ministro De Micheli senza ottenere alcun riscontro. E non sono stato coinvolto neanche dal sindaco Rossi, il quale ha deciso di non invitare parlamentari e consiglieri regionali all’incontro svoltosi a Brindisi con lo stesso ministro.

A questo punto, però, è il caso di seguire altre strade, non ultima quella della Procura della Repubblica per tutti i possibili colpevoli ritardi che rischiano di compromettere un patrimonio inestimabile della mia città come il porto.

Al presidente dell’Autorità di Sistema Portuale Ugo Patroni Griffi, invece, suggerisco di pubblicare meno foto-spettacolo con il sindaco Rossi, ostentando che “tutto va bene” per non far dispiacere qualcuno.

Questa volta è in gioco il futuro di Brindisi che conta decisamente di più delle posizioni personali.

On. Mauro D’Attis (F.I.)


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.