PETROLCHIMICO – D’ATTIS (F.I.): L’ENI VENGA A BRINDISI A CHIARIRE COSA VUOLE FARNE DI QUESTO SITO

La denuncia del Presidente della Cna Franco Gentile non va letta come un semplice lamento. Offre lo spunto, invece, per chiedere con forza all’Eni di fare chiarezza sulle reali intenzioni riferite allo stabilimento petrolchimico di Brindisi.

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad una serie di impegni troppo generici che non hanno permesso di stabilire il futuro dell’insediamento brindisino.

L’Eni, a questo punto, venga a Brindisi a spiegare cosa vuol farne del petrolchimico, quali investimenti intende programmare e con quali ritorni in termini economici, occupazionali e di miglioramento delle condizioni ambientali.

E’ sin troppo evidente, infatti, che la torcia a terra rappresenta un elemento di scarsa rilevanza rispetto a ciò che si può e si deve fare a Brindisi.

Ma occorre chiarezza: ciò che è mancato sino ad oggi.

 

On. Mauro D’Attis (F.I.)


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.