BRINDISI-Nell’ultimo appuntamento di Brindisi Cuore si è parlato, con il dott. Angelo Pastore, di Diabete e problemi alla vista “Retinopatia diabetica , diagnosi precoce e nuove prospettive terapeutiche con terapia intravitreale“.

“ Un’ informazione chiara e autorevole , consigli preziosi per incrementare la durata e la qualità della vita, mantenersi giovani , nonostante le difficoltà della vita e il trascorrere degli anni , imperdibili opportunità per incontrare validi professionisti e chiarire i propri dubbi, con la consapevolezza che la salute è più una scelta che destino e la prevenzione è più un dovere che una scelta – applicarne le regole è doveroso e irrinunciabile “.

Questa è Brindisi Cuore, un’ associazione sempre più radicata sul territorio, le proprie iniziative e incontri che da diversi anni coinvolgono soci e cittadini, e dove si intersecano problematiche come Salute, Ambiente, Cultura, Storia , Scienza .

Mercoledì scorso, nell’ ultimo appuntamento pomeridiano, si è parlato di “Retinopatia diabetica, diagnosi precoce e nuove prospettive terapeutiche con terapia intravitreale “. Relatore il dott. Angelo Pastore ( dirigente Medico Unità Operativa Oculistica Distretto Socio Sanitario Mesagne) che, nella Video intervista, ci parla della problematica .

“La terapia intravitreale nelle patologie retiniche ha modificato, negli ultimi anni, la prospettiva di recupero e mantenimento della CAPACITA’ VISIVA in maniera determinante. L’edema maculare diabetico e la degenerazione maculare essudativa, nonchè l’edema legato ad occlusione venosa retinica possono trovare una risoluzione con miglioramento, rispetto al passato, della QUALITA’ di VITA del paziente”


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.