BRINDISI.Nell’ambito della rassegna cinematografica “L’Italia che non si vede”

Nell’ambito della rassegna cinematografica “L’Italia che non si vede”, a cura di UCCA, venerdì 21 febbraio alle ore 19.00 Poli Officine Culturali presenta Amaranto, documentario premiato al RIFF – Rome Independent Film Festival (2018), per la regia di Emanuela Moroni e Manuela Cannone.

Amaranto racconta attraverso le storie di cinque protagonisti scelte non convenzionali per cambiare il mondo a partire dalla propria vita.

Le registe Emanuela Moroni e Manuela Cannone spaziano dal parto naturale al cohousing, dal bioregionalismo alla permacultura fino alla sperimentazione educativa, disegnando una realtà in cui ad ogni essere umano è riconosciuto il proprio valore, dove il senso di comunità riconquista il proprio spazio, ristabilendo la connessione profonda che ci lega alla Natura.

Nascere, conoscere, viaggiare, abitare e rinascere, trovano un nuovo significato attraverso le storie di chi nella vita ha scelto il cambiamento.

Venerdì 21 febbraio, ore 19.00.

Poli Officine Culturali – Via Manisco 1, San Pancrazio S.no

Info e prenotazioni: 3498068905


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.