BRINDISI.Il Procuratore Capo De Donno al convegno sulla devianza giovanile

“La devianza giovanile a Brindisi” è il tema del convegno organizzato da CLIC, Comitato Liberi Cittadini Quartiere Bozzano, per giovedì prossimo, 27 febbraio alle ore 18 presso la Parrocchia San Giustino De Jacobis. Si discuterà delle cause sociali, delle strategie e delle politiche di prevenzione con Antonio De Donno, Procuratore Capo del Tribunale di Brindisi, Rita Ortenzia De Vito, Dirigente Scolastico,  Elvira D’Alò, Pedagogista clinico, e Isabella Lettori, assessore ai servizi sociali del Comune di Brindisi.

I lavori saranno introdotti da Francesco D’Aprile, Presidente del comitato Liberi Cittadini quartiere Bozzano, e da Don Cosimo Posi, Parroco della Parrocchia del quartiere Bozzano. Modera il giornalista Carlo Amatori.

Un argomento di grande attualità, che vedono il ruolo della Chiesa, della scuola, delle strutture di quartiere, dello sport, della cultura come medicine preventive all’insorgenza di fenomeni di disagio sociale, quando di non veri e propri fenomeni e atteggiamenti malavitosi che tendono a riemergere nella nostra città.

La cultura della legalità, della convivenza civile, quali antidoti a fenomeni di mancata integrazione, ma soprattutto al disagio dei tanti giovani che abbandonano la città perché non riescono più a vedere una possibilità di crescita sociale ed economica.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.