BRINDISI.Cgl, Cisl, Uil:NON VENGANO DEPOTENZIATI I LIVELLI DI ASSISTENZA PER I DISABILI E PER I NON AUTOSUFFICIENTI

Cgil Cisl Uil territoriali, impegnati di recente insieme con le rispettive Federazioni dei Pensionati, della Funzione Pubblica e dei Servizi, nei confronti con gli Ambiti Territoriali sull’attuazione dei Piani Sociali di Zona, hanno registrato segnali preoccupanti di tagli e/o ridimensionamenti di alcuni servizi essenziali a persone con disabilità e di anziani non auto autosufficienti.

Gli Ambiti, infatti, nella maggioranza dei casi hanno evidenziato la propria difficoltà ad assicurare alla scadenza dei contratti di affidamento, la continuità di servizi essenziali e delicati come l’Assistenza Domiciliare integrata (Adi) e il Servizio di Assistenza Domiciliare (Sad) alle suddette categorie di utenti, avendo esaurito le risorse rivenienti dai Fondi Pac (Programmi di Azione e Coesione).

In qualche caso si sono già approntati bandi per il rinnovo dei contratti, con evidenti ridimensionamenti del servizio e delle ore di assistenza.

I sindacati, oltre a contestare agli Ambiti Territoriali ed alle Amministrazioni Comunali presenti di non aver provveduto per tempo a ricercare le necessarie risorse finanziarie sostitutive, dal momento che quelle rivenienti dai Pac era risaputo che sarebbero state a tempo determinato, hanno dichiarato la loro contrarietà ad ulteriori ridimensionamenti dei livelli di assistenza che proprio nel caso di Adi e Sad già risultano notevolmente al di sotto degli obiettivi di servizio previsti dalla normativa regionale.

Tali ridimensionamenti non sono sopportabili, soprattutto da parte dei disabili e degli anziani non autosufficienti, nonché da parte degli operatori che assicurano tali servizi.

Cgil Cisl Uil territoriali hanno chiesto perciò agli Ambiti e a tutte le Istituzioni locali di adoperarsi, intanto per ricercare economie di bilancio possibili da destinare a questa che non può diventare un’altra emergenza.

Inoltre, di verificare con la Regione che anche recentemente nel nuovo “Piano Regionale delle Politiche Familiari” ha ribadito tra l’altro l’esigenza di “potenziare i servizi domiciliari per anziani e disabili” la possibilità concreta di attingere ad altre risorse regionali e/o nazionali che consentano la continuità assistenziale per queste fasce fragili della popolazione.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.