Brindisi. Salvato gatto gettato come un rifiuto in una busta di plastica.

Nella mattinata di ieri, un Carabiniere in servizio a Brindisi, transitando casualmente lungo la via del Mare, notava, al centro della corsia di marcia, una busta blu, apparentemente di spazzatura.

Un passante che portava il suo cane a spasso, fermatosi anche lui, gli riferiva che la busta sembrava contenere un animale morto e così il militare, allo scopo di accertare il contenuto, con le dovute cautele, decideva di aprire leggermente la busta e scorgeva gli occhi di un gatto bianco e nero che iniziava a muoversi. Il Carabiniere provvedeva a liberare dalla busta il povero gatto, consentendogli di respirare e nel frattempo lo spostava dalla strada, riponendolo in un posto sicuro. Il gatto, che non sembrava avere lesioni da investimento, veniva rifocillato con l’unica cosa che aveva in quel momento il Carabiniere: una bottiglietta di acqua. Il militare richiedeva l’intervento del personale veterinario del Servizio di Igiene Pubblica dell’Asl di Brindisi, che provvedeva a prendere in consegna l’animale.

I Carabinieri della Stazione di Brindisi Centro, a conclusione dei successivi accertamenti, hanno identificato e denunciato in stato di libertà una 35enne del luogo, per abbandono di animali. Si è accertato che la busta, con al suo interno il gatto, era stata  gettata sul marciapiede ma evidentemente il gatto, con le ultime forze, nel tentativo di liberarsi, si era spostato sulla strada.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.