Indagine Bronx: il Tribunale conferma tutte le posizioni della Procura.

Indagine Bronx: il Tribunale conferma tutte le posizioni della Procura, inducendo, fino a oggi, sei indagati a richiedere il patteggiamento, così da poter beneficiare dell’alleggerimento delle misure cautelari. Hanno beneficiato, infatti, dei domiciliari Di Latte Alessio, Cardone Catia, Saponaro Angelo, Ferri Cristian, mentre per altri sono in corso le valutazioni del caso.

L’impianto accusatorio, sostenuto dal sostituto procuratore Pierpaolo Montinaro, è stato, altresì, pienamente confermato in sede di riesame richiesto già per più di qualche indagato dall’avvocato Lanzillotti. La scelta del patteggiamento, per taluni di questi indagati, e quindi la conseguente ammissione delle responsabilità contestate, non lascia dubbi sulle prove acquisite dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di San Vito dei Normanni, in merito all’indagine Bronx che, ad oggi, conta circa 50 indagati, di cui 20 sottoposti a misura cautelare personale, e i restanti sottoposti a misura cautelare patrimoniale. Infatti, contestualmente alla mattina dell’esecuzione, sono stati sequestrati conti correnti, immobili e auto collegate agli indagati che rispondono, a vario titolo, di truffa aggravata ai danni dello Stato per l’indebita percezione dell’Indennità di disoccupazione. L’inchiesta Bronx ha disvelato, nell’ambito di un filone di indagine, una fitta rete di soggetti che, pur non avendo mai prestato attività lavorativa, per mezzo di una serie di raggiri e falsificazioni ha poi percepito la Naspi attraverso la compiacenza di imprenditori locali.


Gen.le Lettore.

Dall'inizio della emergenza Sanitaria derivata dalla epidemia Covid-19 i giornalisti di brindisilibera.it lavorano senza sosta per dare una informazione precisa e affidabile, ma in questo momento siamo in difficoltà anche noi. Brindisilibera.it è una testata stampa online appartenente alla Associazione Culturale Flashback e si è sempre sostenuta con i grossi sacrifici personali da Giornalisti Freeland, non percedendo provvidenze, contributi, agevolazioni qualsiasi pubbliche o sponsorizzazioni lasciando libera la informazione da qualsiasi influenza commerciale.Ma in questo periodo di emergenza con la situazione che si è venuta a creare le condizioni economiche della associazione non permettono più ancora per lungo tempo di proseguire nella attività. Se sei soddisfatto della nostra conduzione della testata stampa ti chiediamo un aiuto volontario per sostenere le minime spese a cui comunque dobbiamo dar fronte attraverso un gesto simbolico con una donazione..

Ti ringraziamo per l'attenzione.